E’ vietata la riproduzione, parziale o totale, in qualsiasi forma e secondo ogni modalità, dei contenuti di questo blog, senza l’autorizzazione preventiva dell’autore.
Tutte le interviste, gli articoli, e le pubblicazioni artistiche realizzate da Gisela Scerman sono protette dal diritto esclusivo d’autore, e il loro utilizzo è consentito solo citando la fonte e l'autore e/o chiedendo il permesso preventivo dello stesso.

Creative Commons License



News e appuntamenti


x




IN LIBRERIA

24 giugno 2006

Carmelo Bene


Come non dedicare un post a Carmelo Bene?
Secondo me tra i massimi illuminati intellettuali-artisti veri e non posticci Italiani. Poi Pasolini, ma pochi, pochi altri.
Uno dei mie libri preferiti che a leggerlo è come e meglio di un romanzo avvincente, sfacciato ed intelligente: "Vita di Carmelo Bene", un libro di interviste fatte a lui da Giancarlo
Dotto (giornalista che stimo tantissimo). Volevo riportare quello che ha detto all'intervsitatore riguardo la disoccupazione...

2 ottobre '95, municipiio di Campi Salentina. Il sindaco consegna le chiavi della città a Carmelo bene, gilet nero e bottoni smerigliati. Decine di disoccupati ululano giù in strada e lanciano pomodori putridi. Il Maestro si defila da una porta secondaria. Un disoccupato strepita addosso: "Stronzo dammi lavoro!". Carmelo lo centra in un occhio con uno sputo che è una bellezza balistica.

Che triste spetaccolo questi giovani istigati da Libertinotti che già a vent'anni invocano i lavori forzati. Sogno cortei di ragazzi che gridano "Basta con in lavoro!". La verità è che se non nasci migliardario sei spacciato per sempre. Se nascere è funesto, nascere poveri è infame...Era la peggior offesa che si potesse fare a questa gente: proporgli di lavorare. Negli ultimi 30 anni sono stati degradati dai media, precipitati nella tirannia delle plebi. Ma se qualcosa sopravvivesse dell'antica indolenza, dovrebbero esesre loro a sputare in faccia chi gli offre lavoro. "Come ti permetti, signoria non ti vergogni?" Avrebbero detto un tempo. "Non siamo mica dei somari, lavorate voi!". Ormai omologati nel "diritto del lavoro" hanno dimenticato la loro dignità. Non s'offendono più. Anzi sono loro a chiedere lavoro. S'iscrivono alle liste di collocamento i depravati.
---------------------------------------------------------------

Certo si possono contestare molte cose, però caspita mica ha tutti i torti come (ci hanno) siamo ridotti?

g

4 commenti:

zombi ha detto...

"La mia stella era nata e defunta. In attesa di altre vite" - Carmelo Bene

fa sempre piacere.

zombiholocaust.splinder.com

Gisy ha detto...

Già, come dire altri che chiedono di nascere eppure sono già morti...
E le mitiche puntate "uno contro tutti" al Maurizio Costanzo? Credo sia l'unica volta che l'ho visto così zittito...

Fa sempre piacere :-)

Alex ha detto...

Questa è la mia discussione preferita, ma lo sai che ce l'ho autografato da Carmelo in persona questo libro?? l'ho conosciuto alla presentazione del libro al Bibli di Roma con Giancarlo Dotto, da quando lo vidi in tv al primo "Uno contro tutti" del Costanzo show nel '94 rimasi letteralmente folgorato e da allora non ho più perso 1 suo spettacolo, se t'interessa è uscito anche 1 libro che riporta quasi integralmente le trascrizioni di tutti gli interventi nelle 2 puntate, si intitola "Carmelo Bene al Costanzo Show: Occhio zombie che stasera vi spacco il cervello" di Fabrizio Ponzetta (Jubal editore), qui a Roma si trova ancora, Carmelo è il mio attore preferito di tutti i tempi, ma definirlo "attore" è riduttivo, era 1 genio di talento, anzi era 1 capolavoro, mancato per giunta...la sera che morì andai sotto casa sua con degli amici, c'era giusto qualche giornalista, al piano di sopra si sentiva la musica di una festa di gente completamente ignara dell'accaduto e a un certo punto si è sentita "I will survive" di Gloria Gaynor, l'ho interpretato come l'ultimo sberleffo di Carmelo, ecco lui davvero è uno di quelli che rimarrà per sempre...
Alex.


"Il lavoro...chi è contento di spazzare dalla mattina alla sera con trenta gradi sotto zero per le vie di Londra? (diceva Oscar Wilde) ma nessuno!...invece di pensare a dispensare gli schiavi dal lavoro volete anche lavorare, ecco l'unico appunto che io faccio alle vostre sinistre: perchè vogliono schiavizzare la gente, perchè bisogna far lavorare in miniera a 500 metri di profondità della povera gente per 700mila lire al mese? perchè hanno famiglia. Ma non sarebbe meglio distruggere la famiglia e che questa gente prendesse un po' d'aria? [contestazioni del pubblico]... mi fa piacere sentire la famiglia...non sono nato per piacervi." (C.B.)

Gisy ha detto...

Ma dài, che gran fortuna averlo visto dal vivo; certo non so se sarebbe stato un fatto indolore averci a che fare.
Ah lui di sicuro non era un'anima e salva e come spesso accade non una faccenda facile. Iul fascino a volte è meglio lasciarlo sul suo trono e starlo a guardare da sotto. Io l'adoro Carmelo bene, certo in Italia davvero lo mketto tra gli eletti genio con un magnetismo faticoso da subire e da schivare.
E' probabile che sia lui a mandare in onda "I will surviver", in quanto a sberleffi un re....