E’ vietata la riproduzione, parziale o totale, in qualsiasi forma e secondo ogni modalità, dei contenuti di questo blog, senza l’autorizzazione preventiva dell’autore.
Tutte le interviste, gli articoli, e le pubblicazioni artistiche realizzate da Gisela Scerman sono protette dal diritto esclusivo d’autore, e il loro utilizzo è consentito solo citando la fonte e l'autore e/o chiedendo il permesso preventivo dello stesso.

Creative Commons License



News e appuntamenti


x




IN LIBRERIA

24 giugno 2006

Carmelo Bene


Come non dedicare un post a Carmelo Bene?
Secondo me tra i massimi illuminati intellettuali-artisti veri e non posticci Italiani. Poi Pasolini, ma pochi, pochi altri.
Uno dei mie libri preferiti che a leggerlo è come e meglio di un romanzo avvincente, sfacciato ed intelligente: "Vita di Carmelo Bene", un libro di interviste fatte a lui da Giancarlo
Dotto (giornalista che stimo tantissimo). Volevo riportare quello che ha detto all'intervsitatore riguardo la disoccupazione...

2 ottobre '95, municipiio di Campi Salentina. Il sindaco consegna le chiavi della città a Carmelo bene, gilet nero e bottoni smerigliati. Decine di disoccupati ululano giù in strada e lanciano pomodori putridi. Il Maestro si defila da una porta secondaria. Un disoccupato strepita addosso: "Stronzo dammi lavoro!". Carmelo lo centra in un occhio con uno sputo che è una bellezza balistica.

Che triste spetaccolo questi giovani istigati da Libertinotti che già a vent'anni invocano i lavori forzati. Sogno cortei di ragazzi che gridano "Basta con in lavoro!". La verità è che se non nasci migliardario sei spacciato per sempre. Se nascere è funesto, nascere poveri è infame...Era la peggior offesa che si potesse fare a questa gente: proporgli di lavorare. Negli ultimi 30 anni sono stati degradati dai media, precipitati nella tirannia delle plebi. Ma se qualcosa sopravvivesse dell'antica indolenza, dovrebbero esesre loro a sputare in faccia chi gli offre lavoro. "Come ti permetti, signoria non ti vergogni?" Avrebbero detto un tempo. "Non siamo mica dei somari, lavorate voi!". Ormai omologati nel "diritto del lavoro" hanno dimenticato la loro dignità. Non s'offendono più. Anzi sono loro a chiedere lavoro. S'iscrivono alle liste di collocamento i depravati.
---------------------------------------------------------------

Certo si possono contestare molte cose, però caspita mica ha tutti i torti come (ci hanno) siamo ridotti?

g

18 giugno 2006

Ancora BONDAGE


Era veramente un bel pò di tempo che non facevo servizi bondage, e in questi giorni davvero mi son ricordata la fatica di stare inbalsamati, inbavagliati e legati (con il caldo per lo più).

Mi ero allontana dal bondage più di qulche anno fa, perché fondamentalmente non mi trovavo più bene a lavorare con chi lavoravo, così poi capita che per associazione cada in disgrazia anche quello che con quelle persone hai rappresentato; ma a me il bondage in sé devo dire che diverte pure, tant più se si lavora con altre persone nel set.


Non che mi sia pentita mai d'averlo fatto in passato, ben inteso, però credo anche che sia importante lavorare con persone che ti facciano amare una certa rappresentazione, alla quale magari non si è direttamente portati. Fosse per me sempre e tutto Pin Up Pin Up Pin UP (Beh poi ognuno ha i propri tarli no in fin dei conti?)

All'inizio è stato un caso. Io
tutto fuorché s\m nella vita, però la rappresentazione può essere interessante bella avvincente lo stesso.

Forse è anche un pò la nostalgia dei primi tempi in cui lavoravo che di servizi bondage ne facevo a iosa (si scrive così?) e la nostalgia fa fare un sacco di cose, poi devo dire che quando si entra in una parte si diventa quello se è fatto bene per quel tempo che dura. Anche se la rtealtà è poi un altra, forse ma in quel momento la realtà è quella. No basta Saudelli, bravo artista, ma troppo male, mica roba per me. E' importante lavorare con gente che ci si trova bene, prima di tutto. E poi sì certo che vada dietro a quello che la propria moralità consente.


Queste foto son di Giangiacomo Barsacchi e ne potete trovare molte altre nel suo sito www.boundtown.com, in più, dopo tanto tempo sempre conlui mi son decisa a girare due brevi vido bondage... :-)

Beh, e sulla musica? Niente da dire? Un bacio tutti

G

13 giugno 2006

Conosciuti e meno


Volevo tornare a parlare un pò di musica. A parte Ciampi, che ormai si è detto, insomma un pò di più gloria gi sarebbe toccata . Ci sono altri che non son proprio conosciuti (anche se le loro nicchie poi si sa ce le hanno)e che davvero credo che almeno uno sguardo di attenzione lo meritino, tra questi, a parte Fausto Rossi del quale ho già scritto e si discosta veramente dalle musichette, altri che considero in gambe ono Flavio Giurato autore veremnte con grande spinta poetica, "Il tuffatore" gran bel pezzo (Voglio essere un tuffatorePer rinascere ogni volta dall'acqua all'aria), e Orbetello il mio preferito (Dopo le gocce di sudore piu' duro e gli incidenti della preparazioneLe ali della piccola Wendy nella giusta posizione Forti come le ali di un aereoplano adatto allo scambio di personeSospeso sulle spinte in campo e che viaggia senza bruciareFino alle ali della divina Sarah che nella sua casa da signorina Chiamava le spazzole per nome e innamorava la mia mattina E fino alle mani del giovane Thomas gli attrezzi per migliorare Che cominciano dove finisco io e sanno come continuare). Insomma questo in tuttoi e per tutto l'ho trovato veramente un gran bell'album, poi senza tralasciare il dialettale Van Des Fross "El fiöeu del Guglielmo Tell" fran bel pezzo. Poi Max Manfredi ma quello si sa. Anzi farò di tutto per farlo conoscere perché mi è così strano che non salti fuori n un senso anche più pubblico ec davvero anche i più appassionati di De Andrè spesso non lo conoscono.
Vabbè.
Invece tra i conosciuti ho varie perplessità, riguardo De Gregori, io non so voi cosa ne pensate, ma l'ultimo album"Pezzi", poi in particolare Pezzi, io non riesco ad ascoltarlo (a parte che Dylan dovrebbe rivoltarsi non tanto perché ci prende a piene mani, ma per come traduce e prende e fa il Deg). Ha fatto varie cose buone non lo nego, ci mancherebbe, anche belle, molto belle, ma poi è anche un pò così che sputa su tutto anch sull'Italia stessa che lo ha reso ricco e famoso («Penso a tutti quegli intellettuali, poeti inglesi tedeschi, da Byron a Goethe che venivano in Italia e trovavano la dolcezza e tutto ciò che mancava nelle loro fredde lande. Questa dolcezza è scomparsa»), snobba un bel pò di gente («Bruce Springsteen ha un suono molto più educato, è un bravo ragazzo. Io musicalmente sono più sporco. Springsteen è un furbacchione del rock. Ha buona volontà, ha studiato - Ha detto. - Chi ha conosciuto Dylan o Woody Guthrie 30 anni fa, oggi non si può far affascinare da Springsteen», si compiace di quel che dice, ma c'è poco da fare ha perso l'ispirazione secondo me. Poi cose buone rimangono, ma adesso ahi ahi ahi. Io non so mica. E comuqnue son d'accordo du Wody Guthry. Chi ama Dylan un pò dovrebber ascoltarselo...
:-o

09 giugno 2006

Gisy-Beba

Ecomi qua, eccomi qua. Fatto foto da Denny Lugli, e indovinate; tanto per cambiare c'è lo zampino di Baldazzini che con millimetrici pennellini mi ha tenuto 2 ore a pancia in sù (infatti vedesi espressione di smaronamento incazzata) e mi ha disegnato il suo personaggio Beba che oggi in doccia con un colpo di spugna se n'è andata. Però almeno, e a quanto pare ci salterà fuori una copertina nel prossimo Blue...

Kiss g

06 giugno 2006

Giovanna Casotto


Certo che se il tempo passa, di sicuro non passa allo stesso modo la bellezza e il fascino di Giovanna Casotto. La conosco ormai da 8 anni. (Cavoli 8 anni!) e tutto il suo carisma e la sua bellezza non si è spostata di una virgola.
L'altro giorno ci siamo viste, e non ho rsistito a scattarle qualche foto, ( non ne voleva mezza, ma stavolta dopo tante che me ne ha fatto, mi son sentita in credito).
Io dico che mi pare impossibile, che va contro le leggi della fisica quella donna. Sicuramente di belle donne (gambe tette fianchi e vita occhi ecc... ok) ce n'è untot, ma però sì, alla fine la bellezza e le cose che "ti prendono" sono altre, mica solo quelle tecniche; forse è un atteggiamento un modo di essere che per forza di cosa ha una sua armonia poi con il corpo e vistoc he il corpo è la cosa più visibile subito la belleza si tende ad associrala a quello... Però se esiste un diavolo per la giovinezza, forse stavolta ha fatto sia le pentole che i coperchi.... (e che mi diano l'indirizzo)

:-) g

02 giugno 2006

Today is my birthday...

Oggi è la festa della repubblica, eh già, ma è anche il mio compleanno. Così per dire, che il tempo passa voglio dire. Boia se passa, mi ricordo che quando ho cominciato a fare illavoro di modella avevo 18 anni e quelle passate i 25 mi parevano vecchie crolle ormai... Poi, poi, poi si rivaluta tutto, però ci si pensa...
Uno mi ha scritto che il passato è una moneta senza testa. Beh, non son poi così d'accordo...
Col tempo tutto se ne va, cantava Ferrè, non ritorna più niente...però capita che il presente cambi anche il passato sì, un pò ci credo...

Ciao tutti baci
gisy