E’ vietata la riproduzione, parziale o totale, in qualsiasi forma e secondo ogni modalità, dei contenuti di questo blog, senza l’autorizzazione preventiva dell’autore.
Tutte le interviste, gli articoli, e le pubblicazioni artistiche realizzate da Gisela Scerman sono protette dal diritto esclusivo d’autore, e il loro utilizzo è consentito solo citando la fonte e l'autore e/o chiedendo il permesso preventivo dello stesso.

Creative Commons License



News e appuntamenti


x




IN LIBRERIA

28 dicembre 2005

Bondage e varie


Come per il fetish anche per il bondage mi raggiungono scongiuri, di foto e parliamone.
Allora io devo dire che avendo lavorato parecchi anni nel bondage, ho conosciuto vari amanti del genere, tra cui l' amico Franco Saudelli che proprio impazzisce per le legature e quelle lunghe fatte con i nodi a modo....che ci si impiega di più a costruire la scena che a scattare le foto.
Però almeno secondo me in Italia ci sonno ancora un sacco di preconcetti riguardo questo tipo di rappresenatazione, che devo dire è in un qualche modo vista con un occhio di sdegno, un pò come la pornografia, che poi ecco... sì appunto.
Ma dato che le fantasie sono tante ed è bene che esitano le fantasie; trovo che le foto come i filmati siano una cosa che non necessariamente debbano avere a che fare con la realtà, perché una rappresenatazione non ha perforza un nesso diretto con la realtà.
Anche se poi in un problema "culturale" uno si scontra che quello che rappresenta in un qualche modo è. Ed è così anche per quanto riguarda il lavoro di fotomodella, uno che intepresta è uno che interpreta. E l'esibizionismo stesso può benisimo fermarsi ad una soddisfazione di tipo estetico, ad una specie di bellezza fatta feticcio che prescinde l'esito carnele della bellezza stessa.
E questo vale per tutto. E se devo dire la mia riguardo il bondage, amo più quello giapponese dove magari le corde e i nodi hanno una loro simmetria precisa e un'eleganza che dà vita all'iimmagine femminile anche nella sua costrzione.
detesto abbastanza palline e garze sulla bocca, che sono poi in effetti fastidiose e pure baldazzini che di bondage ne abbiamo fatto assieme, sostine che le palline e garze o scotch tende a rendere le espressioni della faccia tutte un pò uguali...Ed io concordo. Ma gli amanti del bondage americano quello vorrano, e del resto ce n'è. Per tutti ormai.

Un caro saluto a tutti gli "accordati"

Gisy

4 commenti:

warzaw ha detto...

Beh, visto che nessuno commenta...
vado io... che al massimo preferirei essere legato per essere obbligato a subire qualcosa.
Non trovo niente di male a giocare con le corde anche se non me la cavo molto con i nodi. Occorrerebbe un buon marinaio piuttosto.
Non sarei insomma un bravo rilegatore.
Vedere le donne già legate non mi eccita particolarmente ma non lo trovo immorale se la donna è lucidamente (e non sotto sostanze) consenziente.
Sarebbe più interessante una donna avvolta nella stagnola o nella cartaigienica da srotolare (il buon vecchio spogliarello).
Variante scat con la cartaigienica precedentemente sporcata (da ella).
Forse la curiosità può stare anche nei segni che le corde potrebbero lasciare sul corpo nudo, un po' come fanno gli elastici delle mutande o delle calze?
Ed essere legati assieme da una terza persona... magari nel bel mezzo di una penetrazione? Poi andarsene in giro camminando, legati mentre ci si penetra... entrare in un negozio: salve, beh che c'è da guardare, fatti i cazzi tuoi vecchio bavoso. Ma ho solo cinque anni! Ma sei sempre un vecchio bavoso, charlie! Un vecchio bavoso di merda! Comunque mi chiamo flavia!
Warz

Gisy ha detto...

Ben inteso, il bondage a me piace solo in foto (su di me)...poi magari legare è già diverso...
Cose più strane, mah, è già na fatica il sesso.

Io c'ho sempre un sonn...ronf

Pa80lo ha detto...

pratico abitualmente il bondage,sia da legatore che da legato, mi piace da impazzire, dal punto di vista artistico e provocatorio, ma come ogni grande passione deve essere somministrato a piccole dosi, altrimenti da passione può trasformarsi in ossessione. Ho visto numerose foto di Gisy in bondage sul sito di Saudelli, e devo dire che la combinazione di modelle bellissime e la perizia del maestro nel legarle è meravigliosa. Adoro il bondage e non sopporto che venga inteso dalla gente ignorante in materia come una pratica pornografica.
Domanda per Gisy: hai chiuso con questo capitolo della tua carriera o continui a posare avvinta dalle corde?

Gisy ha detto...

Ma no, continuo di tanto in tanto, soprattutto se mi trovo bene col fotografo...l'ultima gallary aggiornata dice qualcosa...
;)