E’ vietata la riproduzione, parziale o totale, in qualsiasi forma e secondo ogni modalità, dei contenuti di questo blog, senza l’autorizzazione preventiva dell’autore.
Tutte le interviste, gli articoli, e le pubblicazioni artistiche realizzate da Gisela Scerman sono protette dal diritto esclusivo d’autore, e il loro utilizzo è consentito solo citando la fonte e l'autore e/o chiedendo il permesso preventivo dello stesso.

Creative Commons License



News e appuntamenti


x




IN LIBRERIA

27 dicembre 2005

Brigitte VS Marilyn after



Brigitte VS Marilyn

After

2 commenti:

Alex ha detto...

Come dicevo nell'altro post alla fine preferisco Marilyn perchè anche se ora è uno scheletro (ma tanto prima o poi lo sarà anche la Bardot) di fatto Marilyn non è mai invecchiata, ce la ricordiamo tutti ancora giovane protagonista di "A qualcuno piace caldo" o "Gli uomini preferiscono le bionde" e quando canta "I wanna be loved by you" o "Bye bye baby", mentre la Bardot a mio avviso è invecchiata male, ogni tanto finisce sui giornali per le sue sparate animaliste (pure condivisibili) o le sue frequentazioni politiche con Le Pen (molto meno), insomma non ha fatto una bella fine, neanche Marilyn certamente, ma alla fine la morte riesce paradossalmente a preservare le dive dalla vecchiaia e le consegna al mito intatte nella loro bellezza...
Alex.

Gisy ha detto...

Beh di sicuro come diceva Claudio Lolli nell'intervista a volte la morte glorifica più che la vita.
IL "non fatto" è abitare un debito che in quelche modo proprio perché non si può più spendere "porta avanti..."
;-)
La BArdot preferico ricordarmela come allora, e comuqnue anche a parità di tempo anche per me Marilyn è più mito...

:-)