E’ vietata la riproduzione, parziale o totale, in qualsiasi forma e secondo ogni modalità, dei contenuti di questo blog, senza l’autorizzazione preventiva dell’autore.
Tutte le interviste, gli articoli, e le pubblicazioni artistiche realizzate da Gisela Scerman sono protette dal diritto esclusivo d’autore, e il loro utilizzo è consentito solo citando la fonte e l'autore e/o chiedendo il permesso preventivo dello stesso.

Creative Commons License



News e appuntamenti


x




IN LIBRERIA

20 gennaio 2009

Subnormali


Ieri apro la televisione un attimo e vedo che c'è il grande fratello, praticamente dei subnormali che dialogano sui massimi e sui minimi sistemi. Tradimento "eh cioè io penso che"...uno scambio di battute esilerati mentre fanno le flessioni.

I sub normali dovrebbero attirare l'attenzione di altri subnormali, invece NO, non è così perché se fossero dei sub normali sani non starebbero a sentire, attirano l'attenzione a quelli che sono un filino sopra l'essere sub normali egocentrici, ovvero quelli che vendendo quelli un filino sotto il loro essere subnormali li disprezzano, ma allo stesso tempo vorrebbero essere al loro posto, ribadendo che non li invidiano affatto... (poi ci sono anche gli intelligenti col gusto del gossip, che giustificano la loro attenzione col fatto che vogliono vedere fino a che punto arriva lo scandalo dei deficenti pubblici)

Poi poco dopo il grande fratello - comincia la soap opera - naturalmente c'è una che si è svegliata da un coma pesissimo; e nelle soap opera quelli che hanno incidenti gravi e vanno in coma pesissimo hanno solo due possibilità

a) ritornare in perfetta forma - come se niente fosse avvenuto entro due settimane - con tutte la parole che i parenti e i cari dicono sul lettino dell'ospedale che naturalmente hanno un effetto benefico-miracolante e inconsciamente è chiaro che se anche una trave ha sfondato la testa ad uno, le belle parole che la testa assimila giovano a farlo rinsavire e farlo tornare in perfetta forma, più che prima, perché avrà l'intenerimento di tutti quelli affianco che hanno capito nel momento di perderlo quanto era cara e stupenda quella persona. Dopo un mese dal tragico incidente si sposerà o nascerà un amore incredibile e impossibile e dopo un altro mese finirà a letto con la madre della sposa o intrecci simili.

b) muoiono - senza alternativa nessuna di guarigione, ma senza diventare handiccapati o subnormali - semplicemente nelle soap muoiono perché è scaduto i contratto e quindi li mandano a casa gli attori, e si capisce che capita che

agli attori fanno scadere il contratto perché

a gli attori stessi hanno avuto proposte migliori
b gli attori hanno brighe personali da sbrigliare a casa
c era un attore che non faceva colpo (diciamo pure sullo scrauso) e quindi non serve più

Poi dopo la soap c'è la DeFilippi che è il marito di Costanzo con la voce di Reagan dell'esorcista che è stato vicino al bancone del frigo per un paio di mesi senza sciarpa che manovra dei altri SubNormali che qualcuno reputa pure fighi. Lì sembra che il subnormale non faccia testo, visto che un minimo di civiltà non fa testo nemmeno. Beata tv.

A quel punto ho fatto indigestione e vado a letto a fare la pennichella.
Poi mi lamento degli incubi.

Buon dì e buono zapping in rete

8 commenti:

Anonimo ha detto...

L'unico modo per non essere fagocitati dalla follia collettiva di certi "media" è cercare di non esserne intercettati... Di comune con "L'esorcista" (o "L'esorciccio"?) sono i messaggi subliminali che provengono dall'etere. Come igiene di vita mi sono ripromesso di evitare di incappare in tali trasmissioni da anni. Si può "rotolare" anche in Rete, per carità, e con effetti anche più deleteri ma quello è un altro discorso...
LUCA

Pietro ha detto...

pensa al messaggio che passa. Puoi essere anche una deficiente,ma se ti ingrossi le tette un bel po', sarà tutto più facile.

Anonimo ha detto...

zapping in rete. appunto.

che al "grande fratello" c'era una con "seno sesta", lo lessi in rete su corriere.it, poi dopo qualche giorno apparvero le foto, i video, articoli su articoli ecc.

Oggi pomeriggio ascoltavo radio uno, l'argomento era "l'analfabetismo di ritorno".
il conduttore legge una mail di un ascoltatore: "ho letto un articolo sui provini dei giovani aspiranti al grande fratello, e molti alla domanda "qual'è il tuo tallone di achille?" in molti non sapevano bene il significato della domanda.

Quelle che succedo prima, durante, dopo, la trasmissione il grande fratello, è ormai anch'esso un modo di dire, e se ne può sentire parlare ovunque.

Beppe Severgnini qualche giorno fa, sempre su corriere.it, ha scritto un articolo sulle mode che ritornano: i seni prosperosi erano di moda evidenziarli negli anni 50, ora ritorna. E il suo articolo partiva sempre da questa"sesta del grande fratello".

paolo
barbar

Gisy ha detto...

@ Luca - credo che delle volte la seduzione del disgusto abbia la meglio...oggi poi...se si guarda con leggerezza e non troppo alla fine, ma sì non è il peggiore dei mali, rendersi conto però...

@ Pietro - Oggi è una sacrosanta verità. Tempo fa c'erano altre cose, anche se poi bisogna vedere se quel tipo di "facilità" non ha nessuna implicazione. Cmq in linea di massima eh, è così...

@ Paolo - Ah ah - non male non capire "il tallone d'Achille" avranno pensato ad una domanda di anatomia fantastica !

Il problema dell'analfabetismo di ritorno è grave poi, non tanto per l'ignoranza in sè, ma per quel che genera, ovvero offuscamento dei sentimenti e quindi anche della comprensione vera di ciò che ci circonda.

Poi.. a me pare che le maggiorate non siano mai passate tropo di moda, magari erano alternate da maggiorate anoressiche, ma preferibilmente maggiorate.
Le tette (grandi) in linea di massima piacciono c'è poco da fare, e i media spingono ancora di più in questa direzione...il problema è quando di una persona rimane poco materiale biodegradabile !

Anonimo ha detto...

Nel momento che l'utente è visto essenzialmente come consumatore non stupisce che un paio di tettone "stracchinate" vengano abbinate, ad esempio, a della crescenza.
Credo che, comunque, in televisione esista ancora qualche nicchia. Insomma, c'è spazio e spazio.
Una curiosità: Gisy, se tu potessi scegliere un programma televisivo per promuovere il tuo nuovo libro, dove andresti? :)
LUCA

BC. Bruno Carioli ha detto...

Come non essere d'accordo con il tuo post ?

Vale ha detto...

Ieri al GF cantavano l'Inno Italiano: "Fratelli d'Italia l'Italia s'è DESTRA..." ah ah ah!!!

Poi gli hanno chiesto di dire le preposizioni semplici "Di, a, ... ehm.... mmmm... sol, la si, do"!!!

Martin ha detto...

Condivido ogni parola.