E’ vietata la riproduzione, parziale o totale, in qualsiasi forma e secondo ogni modalità, dei contenuti di questo blog, senza l’autorizzazione preventiva dell’autore.
Tutte le interviste, gli articoli, e le pubblicazioni artistiche realizzate da Gisela Scerman sono protette dal diritto esclusivo d’autore, e il loro utilizzo è consentito solo citando la fonte e l'autore e/o chiedendo il permesso preventivo dello stesso.

Creative Commons License



News e appuntamenti


x




IN LIBRERIA

13 dicembre 2008

Gli asessuati





















Si parla e parlo sempre tanto anche di sesso, in questo blog un po' meno ultimamente da quando mi son spostata per certe tematiche "più hard" dall'altra parte; ma non da troppo ho scoperto una cosa veramente curiosa che ci tengo a postare qui, ovvero esiste una categoria di gente che pubblicamente e solidalmente si considera asessuata per scelta. questo è il loro forum dove sono aperte le più varie discussioni forum degli asessuati .

Era un po' che volevo parlare di questo, ma ero sempre di fretta col fatto di dover consegnare il libro.

Io non posso che apprezzare l'intento, in tanto spazio si dedica al sesso nelle sue forme, è bene che sia pure quello per per dichiarare che il sesso può anche non interessare ad un individuo per i più diversi motivi, e sinceramente non credo siano necessariamente motivi patologici legati a dei traumi o a dell'impotenza, semplicemente come alcuni spiegano all'interno del forum stesso ci son periodi, o vite intere in cui pur non essendo condizionati da una morale cattolica, o da patologie fisiche particolari, degli individui vivono e vogliono vivere la proprio asessualità possibilmente in coppia con una compagno o una compagna che ha la stessa attitudine.

Parlarne tranquillamente può essere imbarazzante per qualcuno, così come credo poi per ogni individuale "perversione", in realtà visto che pure questa attitudine si discosta dalla media si potrebbe vedere anche così...quindi se uno è interessato può scambiare opinioni con quelli che si dichiarano in tal modo.
Poi vorrei sapere realmente quanti infiltrati ci possano essere ovvero, magari quelli che per uno spirito di redenzione dal peccato del non trombare vorrebbero convincere gli asessuati che non è una scelta o un sentire corretto.
Quel che penso sinceramente, che il sesso può davvero anche non interessare, di questo tempo è senza'altro sopravvalutato, però credo sia difficile a volte capire quando davvero in questo non si è condizionati da diversi fattori, e quando invece è una propria costante fisiologica di tutto rispetto. Però allo stesso tempo credo anche che certe istituzioni mi puzzano di farlocco e son un po' impregnate di perbenismo, tanto è vero che ho chiesto un'intervista perché cmq la cosa mi interessa e non mi hanno mai risposto...uguale sul myspace, certo non do l'idea di un'asessuata magari, ma non capisco perché uno rispettando i loro intenti non può cmq interessarsi alla questione, in fin dei conti, la conoscenza non dovrebbe avere connotazioni di nessun tipo...e in questo mi pare che ci sia "una sorta di razzismo"...

cmq c'è anche il loro myspace che mi pare n po' mortino...premetto che tutto questo, tanto per cambiare parte da un progetto americano questo è il sito ufficiale dell'AVEN (asexual visibily and education network) Beh come dire, cè anche questo al mondo.

6 commenti:

Marco Crupi ha detto...

Che curiosa accoppiata Modella/scrittrice, mi piacciono i tuoi blog sono molto interessanti.

Pietro ha detto...

pure io sono parecchio asessuato ultimamente, ma come si dice...per scelta altrui...

Andrea Venanzoni ha detto...

Divertente pensare che l'AVEN sia nato come sorta di filiazione ortodossa (o meglio dire, più realista del Re) del circuito del Silver Ring, tanto che loro portano al dito l'anello nero, mentre i loro "padri nobili" tendono a portare l'anello d'argento; il Silver Ring non è asessuato, ma predica la castità totale fino al matrimonio, quindi si inserisce nell'alveo del fondamentalismo cristiano di marca prettamente americano.
L'AVEN, o Black Ring, invece sembra sposarsi più a quelle tendenze escatologiche e millenaristiche come il VEHMT (Voluntary Human Extinction MovemenT), che vanno direttamente verso la negazione della valenza procreativa; ovviamente potremmo pure parlare di certo Straight Edge, ma sicuramente l'AVEN è meno salutista, meno collettivista, più legato alla fisiologia individuale e a certe fisime esistenziali.
Comunque non mi stupisce che non vogliano parlare con chi non la pensa come loro, l'attitudine evangelica è del Silver Ring, qui invece è tutta una questione individuale

Anonimo ha detto...

Da ragazzo conobbi un coetaneo che era dichiaratamente asessuato, ed eravamo negli '70. Era una persona intellingentissima, lavoratore e studente. La sua non era una scelta, ma semplicemtente un dato di fatto. Non aveva interessi sessuali. Non era misogeno, anzi aveva molte amicizie femminili. Semplicemtente, spiegava. come ci sono delle persone che hanno magari gusti particolari nel sesso, lui non ne aveva nessuno compreso quello primario di accoppiarsi.
Venni poi a sapere che verso i 30 anni, dopo tre o quattro lauree, compresa quella in teologia, si fece frate.

Comunque credo anch'io che ci siano persone che semplicemente non fanno sesso. Senza neanche una motivazione particolare, ma cosi come tante cose che si fanno per passione. E si dedicano "anima e corpo" a tante altre cose della vita.

Poi ci saranno anche quelli che, come spiega Venanzoni, non lo fanno anche per certe ideologie.

Credo che una persona asessuata, senza troppe motivazioni ideologiche, non avrebbe difficoltà a concederti una intervista o magari semplicemente scambiare opinioni con te.

paolo
barbar

Gisy ha detto...

@ Marco - beh oggi tutti facciamo un pò di tutto, non so se sia un bene, cmq è così...certi binomi nel precariato di oggi son sempre più probabili, anche quelli che possono sembrare strani...visto che è fatica vivere di una sola cosa!


@ Pietro, beh non ti preoccupare, questa è una condizione abbastanza comune...certi miei ex si chiedevano come facevo ad essere così asessuata delle volte, e io mi chiedevo perché con tutta la figa che c'è in giro mi dovevano rompere le balle proprie a me... :)


@ Andrea Sì, però se si legge nei loro forum non sembra la mettano così, ovvero non asessuati in quanto "discepoli" di un qualcosa, ma k per motivi diversi, anche di ordine fisiologico psicologico non han voglia di trombare, ma in effetti c'è un pò di puzza...

Loro la mettono così...almeno.

io per prima ho passato periodi più o meno ricorrenti da asessuata nella mia vita, ma periodi anche anche lunghi, ma non vuol dire che non amo il sesso in generale. Insomma è un pò come il discorso cuckold dove finisce e inizia un significato...

@ Paolo - sì però vedi, il fatto che poi si sia fatto frate...non so magari lo ha fatto x ripiego, nel senso che oggi sembra che sei malato se non ti va di trombare, non che possa essere una condizione umana possibile...certo può sembrare anomala, ma questa è la doppia faccia della società che ti punisce se "godi" e ti dice che non sei normale o sfigato "se non trombi"...allora c'è che si inventa delle strategie per potersi incanalare in alcuni settori in cui allora sì, che la
non sessualità è vista come dato naturale e reale...
tante cose...
ma gli asessuati in genere, non ne trovo tanti che si dichiarano così apertamente senza problemi, però...sia mai leggano questo post...uno non è indicativo di tutti...sarebbe bello sentire più voci..

buona domenica intanto

Andrea Venanzoni ha detto...

Però una delle loro discussioni più importanti nei forum americani è proprio il discorso del Black Ring, ovvero la necessità di identificarsi, il che in una certa misura tradisce un discorso di identità e di definizione in opposizione a qualcosa...come dicevo, loro sono molto più su base individuale rispetto al Silver Ring almeno nella scelta delle motivazioni, quindi non hanno voluto generare un movimento inamovibile e con una sua ortodossia, però è fisiologico nel momento in cui ti proponi con tanto di acronimo, simbolo e linee-guida che si finisca per determinare una sorta di fisionomia settaria, autoescludente.
Se io come persona non voglio scopare, non scopo; senza dovermi trincerare dietro un acronimo, senza quindi una giustificazione che magari in certi casi funge da alibi culturale per abbellire quella che è soltanto poi una mia scelta determinata dai più disparati motivi, misantropia, scoglionamento, fase esistenziale particolare.
Tra l'altro trovo curioso che uno debba avere la necessità di circondarsi di altre persone che non vogliono scopare, sarebbe più logico non circondarsi di nessuno; perchè appunto se mi circondo di persone che hanno la mia medesima ragione sociale, ecco spuntare dietro la collinetta la fisionomia del gruppo organizzato, del Movimento.