E’ vietata la riproduzione, parziale o totale, in qualsiasi forma e secondo ogni modalità, dei contenuti di questo blog, senza l’autorizzazione preventiva dell’autore.
Tutte le interviste, gli articoli, e le pubblicazioni artistiche realizzate da Gisela Scerman sono protette dal diritto esclusivo d’autore, e il loro utilizzo è consentito solo citando la fonte e l'autore e/o chiedendo il permesso preventivo dello stesso.

Creative Commons License



News e appuntamenti


x




IN LIBRERIA

27 agosto 2008

Il conforto di radio Maria sull'omossessualità

Commento di Padre Livio Fanzaga

"Dobbiamo capire che tutti noi nasciamo malati - perché nasciamo con il peccato originale che è una malattia spirituale - l'omosessualità non è neanche il peggiore dei mali - c'è di peggio, la pedofilia è ancora peggiore, poi la cattiveria, l'ammazzare gli altri, sono quelle tendenze al male che anche dopo il battesimo rimangono, cioè cl battesimo ci viene tolto il peccato, ma resta la concupiscenza, ovvero la spinta al peccato. L'omosessualità è una delle tante malattie che contrae l'essere umano, la natura umana che è malata, e non è la peggiore. Tu devi chiedere a Dio la grazia della guarigione"

Ma vi sembra possibile che oggi 2008 si possono dire seriamente queste cose? Non si può far finta di nulla scusater - Ma questo è peggio che il fascismo, ascoltate questa dichiarazione e il consiglio per esteso di Livio Fanzaga che si vergogni, al cospetto degli esserei umani invece. Con tutto rispetto per i credenti.

Per chi volesse approfondire...Qui




12 commenti:

Anonimo ha detto...

Agghiacciante.
E si che ormai dovrei essere abituata.
L'altro giorno mi sono soffermata sul portale di Libero nella sezione del gossip (mea culpa lo so) incuriosita dalla notizia del matrimonio tra Ellen DeGeneres e Portia de Rossi. Non hai idea dei commenti, anzi mi sa che ce l'hai. Mi è salita una tale rabbia che mi sono sentita stupida perchè normalmente riesco a lasciar perdere.
"L'omosessualità non è neanche il peggiore dei mali. La grazia della guarigione". Ma si può.

Uffi.


oepu

la verità ha detto...

infatti, c'è anche chi nasce cattolico... in quel caso si che è inculato...

Gisy ha detto...

@ Anonimo - io trova abbastanza allucinante che questa gente abbia voce in capitolo da un punto di vista mediatico, dove può intervenire con i cosiddetti "consigli del cuore" - se non sei come loro vorrebbero ti darebbero fuoco questo è il fatto, è una violenza psicologica non indifferenze per chi ci crede. Poveraccio il tipo alla fine neanche parla più, forse si aspettava due parole per essere rincuorato, così gli ha dato la mazzata finale.

Per i matrimoni omosessuali, sì ancora peggio, 'sta cosa del contro-natura, ma gli etero che fanno ogni aberrazione poi vanno comunque bene...ineccepibile.

@ La verità - Non si nasce cattolico, te la inculcano sta merda, poi la fede è un'altra cosa ancora, l'omosessualità non è una scelta invece, è una sfacettatura dell'individuo come possono esserlo tante altre caratteristiche.

*KakY* ha detto...

.. ognuno ha il diritto di scegliere cosa vuole nella sua vita, chi amare, come e quando, nel rispetto delle libertà e dei diritti altrui. I NOSTRI AMATI PARLAMENTARI,ANZIKE' BUSSARE ALLE PORTE DEL VATICANO QUANDO NECESSITANO DI VOTI, DOVREBBERO IMPEDIRE CHE UN'ISTITUZIONE DI TIPO RELIGIOSO SI PERMETTA DI FARE AFFERMAZIONI CHE SONO NETTAMENTE IN CONTRASTO A LEGGI SCIENTIFICHE PROVATE. L'OMOSESSUALITÀ' NN è UNA MALATTIA. FINE. QSTI CATTOLICI BEN PENSANTI, GENTE DOTATA DI PENE CHE SI SENTE IN DIRITTO DI PONTIFICARE SULL'ABORTO (ARGOMENTO DI CUI GLI UOMINI NN DOVREBBERO NEMMENO PARLARE VISTO KE NN SANNO COSA SIGNIFICA AVERE UN UTERO).. QST CATTOLICI NON SONO MIGLIORI DEI KAMIKAZE MUSULMANI, ANZI, SONO DECISAMENTE + SUBDOLI...

R V P E R T V S ha detto...

Il fatto è che le religioni monoteistiche devono applicare per loro natura i loro DOGMI!
Se parti col principio che il "bene" è nell'altro mondo e in questo mondo c'è quasi tutto "male"
campi male è fai campare male anche chi in questo mondo riesce a vivere in equilibrio con i propri lati "oscuri". Ci sono elementi di disumanità in queste religioni, bisogna essere consapevoli di questo..

Gokachu ha detto...

La frase "oggi nel 2008" denuncia una insopprimibile fede nel progresso umano che purtroppo non ho più. Detto questo, una fede religiosa può pure pensare che tutti quelli col cognome che inizia con F siano salvi e tutti gli altri dannati, chi se ne frega. Fatti loro e fatti di quelli che pur avendo un cognome che inizia con G decidono di aderire a quella religione. Il problema è quando la questione si sposta dal dominio delelr eligioni a quello della legislazione e dell'ordine pubblico.

Anonimo ha detto...

x gokachu

capisco questo "cinismo" però ancora un pochino voglio crederci nell'essere umano.
e ho un sogno

oepu

Gisy ha detto...

@ Kaky - son d'accordo, è razionalmente assolutamente assurdo, sull'aborto poi ...ma questo fatti specie - non è un fatto che si risolverà nè con un referendum, nè in un tempo breve di decenni, né con degli attentati - come al solito ci son sempre troppi interessi dietro il voler mantenere il gregge in un determinato ordine, il senso di colpa ecc - e non solo questo - de andrè scriveva "l'inferno esiste solo per chi ne ha paura"

@ gokachu - sul progresso su quella che dovrebbe essere l'evoluzione più che il progresso si potrebbero aprire fior di dibattiti - non è sbagliato il tuo ragionamento, ma del resto è inscindibile che la legislazione in quanto deriva da regole anche morali non prenda dalla cultura che ci portiamo dietro, e ne siamo immersi di cattolicesimo.
La cosa più saggia sarebbe fare uno stato della chiesa e uno stato civile dove poter scegliere a quale appartenere, ma credo sia abbastanza utopistico.

@ oepu - credere nell'essere umano? Ma guardiamo la storia, ciò che è al potere cessa di avere parvenze realmente umane, se non per poter avere a sé altro potere.
Credo negli uomini semplici quello che forse il potere non lo hanno mai conosciuto, e non gli interessa nemmeno di conoscerlo, gente che vive, gente grande, senza accorgersene probabilmente.

Claudio ha detto...

Mai avuto rispetto per i credenti.
Se per rispetto intendiamo il non impedire ad un credente di credere e manifestare la propria fede, allora sì, li ho sempre rispettati.
Se invece intendiamo il considerare valida al pari di altre la loro visione ottusa, grottesca, ridicola, perversa, criminale della realtà, allora no, non li rispetto affatto e non li rispetterò mai.
Dio è il più grande dittatore ed in tal senso la religione è il male assoluto. Chi crede ad una favola tanto pericolosa ed autoritaria è ai miei occhi uno schiavo sciocco nemico dell'intelligenza e della libertà.
Livio Fanzaga non è un'eccezione: è la regola che si mostra per quello che è senza maschere, autoinganni ed edulcorazioni.
C'è un solo modo per essere ragionevoli.

Mica ha detto...

puahahah! "quando dio tace, gli si può far dire qualsiasi cosa"

Anonimo ha detto...

Esatto, Gisy.
Il cattolicesimo ( che con Cristo non ha NULLA a che spartire! ) lo abbiamo subìto, culturalmente. E lo abbiamo subìto tutti, credenti ed atei, purtroppo.
La religione ( lo dice la parola stessa ) re-liga. Vuole legare a sè. E lo fa ( ogni religione, da sempre ) con le più bieche modalità.
Come ogni dittatura, crea il senso di dipendenza ( da un "dio" che guarda caso solo loro rappresenterebbero )...e di "peccato".
Ma vi rendete conto che fino all'anno scorso c'era una commissione che per lavoro doveva decidere che fine avrebbero fatto i bimbi nati e morti prima del battesimo( il famoso
"limbo" )??????
L'inferno non esisteva nemmeno ai tempi di Gesù, è un'invenzione di centinaia e centinaia di anni dopo ( come la verginità di Maria )...
Ma il vaticano, credetemi, non essendo fatto di fede ( come dice Gisy, la fede è una cosa, la religione il suo opposto ) è destinato a finire.
Sta in piedi perchè il mondo ( chi lo comanda ) è succube del potere e del denaro. Ne ha fame e sete.
Ma non è di Dio.
Dio e Amore sono la stessa cosa.
E Cristo l'hanno ucciso perchè rompeva i coglioni al potere!!!
E ci sarebbero milioni di altre cose da dire, porca miseria!
Io sono un credente, un cristiano.
Per questo non credo al vaticano e non vado a messa.
Credo in Cristo e nel suo messaggio ( che va tradotto tenendo conto della lingua, della tradizione e delle usanze greco-aramaiche )..
L'omosessualità NON è una malattia, nè una deviazione.
E' una forma di essere.
Voluta e amata da Dio.
Come voluta e amata è qualsiasi altra forma di vita presente su questa ed altre terre.

Ciao a tutti,
gerardo

natzuka ha detto...

ho ascoltato due volte, alla prima non ci potevo credere...
sono annientata.