E’ vietata la riproduzione, parziale o totale, in qualsiasi forma e secondo ogni modalità, dei contenuti di questo blog, senza l’autorizzazione preventiva dell’autore.
Tutte le interviste, gli articoli, e le pubblicazioni artistiche realizzate da Gisela Scerman sono protette dal diritto esclusivo d’autore, e il loro utilizzo è consentito solo citando la fonte e l'autore e/o chiedendo il permesso preventivo dello stesso.

Creative Commons License



News e appuntamenti


x




IN LIBRERIA

07 luglio 2008

Antonio Rezza

Per chi già non lo conosce, ecco un altro autore che stimo particolarmente ... lascio al video, su you tube ne potete trovare diversi di carini, oltre a questo consiglio " L'orrore di vivere "

3 commenti:

antonio ha detto...

Adoro il pezzo su Egidio.
"Odio la solitudine... che vogliono questi, la solitudine è una grazia di Dio!"
"Apri Egidio, lo sappiamo che ci sei, te semo sentito bestemmià!"
"Semo noi, semo sempre noi..."

Claudio ha detto...

Posso essere puntiglioso? Tanto lo sarò ugualmente.
Le opere di Antonio Rezza non sono carine: sono dei capolavori insuperabili, unici nel loro genere. Rezza ha spalancato nuovi orizzonti all'arte comica, attuando una vera e propria "satira dell'esistenza", riprendendo il filone beckettiano mescolato alla Commedia dell'Arte ed a qualcosa di...di...completamente suo, personale. Ciò che fa lui è inedito ed inimitabile.
Genio assoluto, tra i massimi della storia nel settore.

Si è capito che adoro Rezza?

A parte ciò, apprezzo molto che si diffondano i suoi lavori.
Per quel che conta, brava.

P.S. Ottimi gusti. Mi invogliano a leggerti ed approfondire.

Gisy ha detto...

Certo, fai bene ad essere puntiglioso; purtroppo in questio giorni ho pochissimo tempo, e avrei ben ripreso il personaggio Rezza con più ampiezza. Io credo che nell'attuale (non dico panorama che è un termine che detesto) sia uno dei più grandi autori di teatro, certo se uno pensa a Bene, ma quello era proprio un latro fatto - un fatto, un'apparizione come lui stesso si definiva - Forse non arriverei a dire genio, non ancora almeno, però ha dei meriti ben precisi, ed è un grane, oggi paraddosaslmene in tutto questo marasma è sempre più difficle essere, ma essere fino in fondo qualcosa di innovativo e allo stesso tempo classico.

E' lì la gandezza.