E’ vietata la riproduzione, parziale o totale, in qualsiasi forma e secondo ogni modalità, dei contenuti di questo blog, senza l’autorizzazione preventiva dell’autore.
Tutte le interviste, gli articoli, e le pubblicazioni artistiche realizzate da Gisela Scerman sono protette dal diritto esclusivo d’autore, e il loro utilizzo è consentito solo citando la fonte e l'autore e/o chiedendo il permesso preventivo dello stesso.

Creative Commons License



News e appuntamenti


x




IN LIBRERIA

22 giugno 2008

Speigazioni.

Spiegatemi vi prego, perché la gente paga e applaude l'ovvio. Ma solo quello.

5 commenti:

antonio ha detto...

Forse perché rientra nei loro gusti.
E' successo qualcosa col libro?

Anonimo ha detto...

Per lo stesso motivo per cui la gente mangia al mac, vota berlusconi,legge susanna tamaro, ingrassa davanti alla tele: è più "comodo" delegare il pensiero, e assorbire acriticamente l'omologazione del gusto.

Ma non giudicare la bontà del tuo lavoro dal successo su un pubblico simile: è pur vero che bisogna campare, ma è vero anche che bisogna farlo senza svendere la propria arte (..il proprio corpo magari si può chiudere un occhio ;P )


^^*^^

Anonimo ha detto...

non so bene.
ognuno è la "gente", quindi, come siamo tante persone diverse, ci sono molte "genti" diverse.
Vorrei non essere tra la gente:impossibile.Per qualcun altro sarò sempre la "gente".

paolo
barbar

Gisy ha detto...

Naturalmente è una domanda tautologica. No, io non c'entro questa volta, è che come al solito mi son resa conto andando alla serata su Piero Ciampi, che è stata una bella serata eh, però anche lì, gli applausi più forte erano per quelli autori già conosciuti, molto famosi, ecc.

La metà era un pubblico caloroso, i veri Ciampiani, l'altra metà davvero mi sembrava così trasparente a quello che aveva davanti.
Non sorrideva non faceva nulla, imbalsamati a battere le mani quando di dovere.

Mi spiace quando succede per cose a cui tengo. Però poi del resto, se non fosse così. Chissà...

la gente applaude l'ovvio perché è già una consolidazione di qualcosa, applaudire altro vorrebbe dire essere in grado di esporsi in un giudizio.

Gisy ha detto...

poi vero anche la gente siamo anche noi. Chissà quanti applausi mancati che mi sarebbero stati rimproverati...