E’ vietata la riproduzione, parziale o totale, in qualsiasi forma e secondo ogni modalità, dei contenuti di questo blog, senza l’autorizzazione preventiva dell’autore.
Tutte le interviste, gli articoli, e le pubblicazioni artistiche realizzate da Gisela Scerman sono protette dal diritto esclusivo d’autore, e il loro utilizzo è consentito solo citando la fonte e l'autore e/o chiedendo il permesso preventivo dello stesso.

Creative Commons License



News e appuntamenti


x




IN LIBRERIA

25 febbraio 2008

Moravia Desnudo part 2 - Moravia e gli specchi


Dopo che ho scoperto questo libro (Moravia Desnudo vedi post precedente) su Moravia, che ne parla come ne andrebbe parlato, scritto ricordo da Sergio Saviane, non posso che citarlo e tacere, perché dice esattamente tutto ciò che c'è da dire, che pensavo, ma che non mi rendevo conto che era così, ma proprio così.


pag 41

Per Moravia le cose inanimate rivestono sempre e indiscutibilmente un ruolo di primissimo piano. Ecco allora che le camere da letto, le tolette, i salotti, i saloni sfavillanti o le anguste camerette di borgata, i bicchieri, i lumi, le chincaglierie, le cianfrusaglie o le ceramiche antiche, i mobili ed i soprammobili assumono un'importanza che via via si allarga, si espande, trabocca dalle pagine, avvolge e seduce il lettore, lo conduce, a volte stordendolo, lungo tutta la strada.

Uno scendiletto, un vaso da notte, una ciotola, una candela, una tazza, una bottiglia, una finestra, una posata, un un piatto meglio se rotto, un qualsiasi oggetto, possibilmente di vetro o cristallo, e, appunto uno specchio, diventano protagonisti ed i fedeli "traduttori" delle trame più recondite, dei sentimenti, delle sensazioni più o meno autentiche. Il lettore non se ne accorge, ma alla fine Moravia ha compiuto il miracolo.
Che questi oggetti, queste figure o questi sogni, a volte un po' paralitici parlino una lingua o l'altra non ha molta importanza per l'infaticabile produttore di virgole.

Parlando del vetro nei romanzi di Moravia

Dagli Indifferenti agli ultimi romanzi di questo narratore in prima persona, lo specchio è come il meccano, dei ragazzi, da cui si può trarre ogni tipo di costruzione, dalla gru al carro attrezzi di pronto soccorso a al rosso furgone dei pompieri. Davanti allo specchio l'autore dà appuntamento alla madre di lusso, al maturo figlio di papà troppo ricco, (c'è ancora il figlio di papà), incompreso e tanto infelice, alla puttanella precoce, all'intellettuale solitario, alla moglie vogliosa del produttore. Lo specchio viene evocato perfino nei sogni, diventa il fulcro di ogni vicenda.

Dagli
Indifferenti ad Agostino, dall'Amore coniugale, al Disprezzo, alla Noia, fino ai Racconti, dai Romanzi brevi ai Racconti romani, e poi fino ai Nuovi racconti romani (mamma mia, quanti racconti), tonnellate di pagine fitte fitte, lo specchio è sempre l'unico testimone, il freddo ragioniere chino sulla partita doppia e sui bilanci della romanziera romanesca di Moravia.

Bisogna proprio riconoscere che lavorare esclusivamente, come
Io e lui, col solo apporto di uno specchio, uno slip, una patta a cerniera, un cesso e un organo umano, anche se ben dotato e lungimirante, è fatica da Ercole specialmente per un autore che di solito trae la sua inesauribile linfa dalla donna nei meandri più intimi e reconditi della psiche e della fica trasteverina. Sono più di sessant'anni che l'infaticabile scrittore consulta specchi per intercettare, come la sorellastra cattiva di Cenerentola, le immagine che questo oggetto impenetrabile gli manda fermo posta della sua sicura e garrula mano di narratore.

Giudicare l'opera di Moravia escludendo come hanno fatto i critici, questo oggetto così prezioso, e, si può dire,
narrativamente prolifico, sarebbe una grave responsibilità, che non ci sentiamo di condividere con i suoi zelanti recensori. (...) di sa com'è denso di significato un uccello contro lo specchio. E' chiaro che dunque Moravia non sa e non vuole vedere i suoi personaggi se non riflessi sugli specchi oppure attraverso quella specie di muraglia invalicabile, ma trasparente che può essere un finestrino d'automobile, un cristallo di Boemia, persino un bicchiere, una lampadina, un lume, basta che sia a portata di mano. (...........riferimenti di specchi e affinità vetraie nei suoi romanzi)

Pag 55

Siamo nel 1944. Moravia ha già calpestato e frantumato i vetri e la chincaglieria, gli specchi e i salvadanai di terracotta. (...) non ha ancora avuto il coraggio di spaccare con un pugno il vetro leggero che protegge in cornice la foto ricordo di Gabriele D'annunzio, ma si sta avviando a grandi passi anche a questa operazione. Passiamo ora, dopo aver ricordato il vetrume delle "Due cortigiane" della "Romana" e della "Disubbidienza", al reparto cristalli e vetri pregiati dell'Amore coniugale, che è del 1949. la prima specchiera la troviamo a pag 9. Il protagonista Baldeschi(...) presenta al lettore la bella moglie Leda, . Non ha specchi a portata di mano, ma va a cercarne uno negli occhi di lei, trasformando la pupilla in vetro. Lo specchio quindi non c'è ancora, materialmente, ma in forma simbolica. L'importante è che sia un oggetto..(...) ma è a pag 33 che l'intellettuale si mette in posa davanti ad un vetro per spiegare la sua vera crisi, motivo dominate e filo conduttore di tutto il romanzo. Qui abbiamo per la prima volta la rivelazione che ci troviamo di fronte ad un uomo in panne sentimentale e creativa. Una vera scoperta.
Moravia deve avere appena letto
L'uomo senza qualità di Musil e non vede l'ora secondo le sue note abitudini di scippatore internazionale, di travasare tutto in uno dei suoi romanzi pirla, o, se vogliamo usare un linguaggio ironico da critico dotto e raffinato, uno dei suoi romanzi di "ambizioni più sbagliate" Basta aprire a caso un suo libro per finire nella casa di ricovero del sesso. (....)

Non si può prendere un disgraziato come il "
Baldeschi" dell'amore coniugale, mandarlo in giro a far soliloqui al vetro sul sesso d'antiquariato, e poi presentarsi ai convegni delle femministe, o andare in Unione Sovietica a parlare dell'attualità del romanzo disimpegnato. (....) Sono le contraddizioni della letteratura italiana. e' giusto quindi che uno scrittore che da mezzo secolo manda in giro, i suoi personaggi a fare il tiro della fune con gli uccelli più intronati del mediterraneo, venga candidato al premio Nobel da una critica un po' mammona e segaiola, questo è vero, ma molto sensibile ai richiami del sesso imbottigliato come il Barolo.


Prometto che torno scrivendo altro su questo libro eccezionale, un grazie alla buon anima di Saviane. Chissà se Pignagnoli e Saviane si son conosciuti...

5 commenti:

Antonio Fiabane ha detto...

Viva Saviane, cavallo pazzo rimosso. Talmente vero che, quando Benetton gli commissionò una biografia familiare, fu poi costretto a comprarsi tutte le copie prima che qualcuno le leggesse...

Gisy ha detto...

Ahahahahh grande! Non lo sapevo, è una rivelazione recente e devo dire grazie a d ogni riga che ha scritto, dimmi se sai dove posso trovare altre sue cose....

paolo ha detto...

barbar

buona la battuta su benetton...

La vecchiaia fa brutti scherzi(parlo di me)

Sergio Saviane, è un nome che mi dice molto, ma non ricordavo più bene chi fosse.

Ho dovuto cercare qui su internet:
scrittore, critico letterario e televisivo, giornalista, uno dei fondatori del satirico "male"...
ah ecco era uno che non aveva peli sulla lingua. Moravia nel 1976 era intoccabile!! Però ricordo che qualche critica la leggevo in quei tempi.
A parte il libro su Moravia(che non ho letto) Saviane lo leggevo evidentemente sui giornali, e lo vedevo anche in tv.

è morto nel 2001 a castelfranco veneto.

Per ricordarmi meglio chi fosse Saviane, ho trovato qui l'articolo su internet 28 luglio 2001
http://www.repubblica.it/online/cultura_scienze/saviane/saviane/saviane.html

Qualche libro di Moravia l'ho letto anch'io...

antonio ha detto...

Questo pezzo mi ricorda una canzone di Federico Salvatore, "Lo specchio". In un passaggio dice: ".. lo specchio, è l'amico più sincero e crudele, il mio sosia perfetto...".
Ci sono volte che non sopporto la mia immagine riflessa...

Gisy ha detto...

@Paolo! Grazie...invito a mandarmi tutte le notizie possibili su Saviane...e i suoi lavori.