E’ vietata la riproduzione, parziale o totale, in qualsiasi forma e secondo ogni modalità, dei contenuti di questo blog, senza l’autorizzazione preventiva dell’autore.
Tutte le interviste, gli articoli, e le pubblicazioni artistiche realizzate da Gisela Scerman sono protette dal diritto esclusivo d’autore, e il loro utilizzo è consentito solo citando la fonte e l'autore e/o chiedendo il permesso preventivo dello stesso.

Creative Commons License



News e appuntamenti


x




IN LIBRERIA

05 dicembre 2007

I soldi che comprano l'anima

E' incredibile, come l'America ci inietti i cattivi esempi di - come più efferati sono i criminali, più sono soggetti ad un'esposizione mediatica, che più che accusatoria pare proprio fare e da piedistallo, seppur come modello negativo a questi criminali.

Ora ci mancava pure che la Franzoni dopo Natale desse il via a una linea di abbigliamento per bambini, ma io vabbé dico, la Franzoni, secondo me ha patito così tanto a forza di essere torchiata che se la pena avrebbe dovuta scontarla con tutte queste pressioni televisive, giornalistiche ecc, che se l'ha fatto non se lo ricorda proprio, perché in una madre, una tenacia simile a negare l'omicidio del figlio è incredibile. Ho ha una forza di volontà innaturale o veramente non si ricorda e ha rimosso.
Però c'è forse una qualche possibilità che non sia stata lei. io qualche dubbio ce l'ho ancora; ma di sicuro la cosa che schifa me, e credo buona parte dell'opinione pubblica mi auguro, sia il lancio pubblicitario che avverrà utilizzando quel rom che passando per una notte in cui, ubriaco, alla guida di un furgone ha ucciso 4 ragazzi
di età compresa tra i 16 e i 19 anni. Marco Ahmetovic, il 23 aprile di quest'anno, alla guida di un furgoncino e completamente ubriaco, uccise 4 giovani su una strada statale nei pressi di Appignano, in provincia di Ascoli Piceno. Sta scontando la sua pena in un residence con piscina....a breve sarà il testimonial di una collezione di jeans disegnata apposta per lui: la 'romjeans'.

Quindi diffondete e come si dice, non comprateli nemmeno per bruciarli !

e se volete, è possibile firmare una petizione in merito:

http://www.petitiononline.com/07101977/petition.html


9 commenti:

antonio ha detto...

Già firmata, la conoscevo già da giorni, sul blog del conduttore dello Zoo di 105.
E proprio lì ho espresso i miei dubbi. In realtà ho firmato per far numero, l'unica cosa che potrebbe influire sulla decisione di troncare questa distribuzione. Già comunque la confcommercio annuncia che nessuno di loro spaccerà mai questa linea.
A parte i numeri, purtroppo la petizione è legalmente inutile. Non è un problema legale, è un problema morale. La linea rom è una aberrazione, che sfrutta la libertà di commercio. Se la linea non incita apertamente al reato, se non è stata prodotta violando le norme di sicurezza, se non vengono attuate violazioni fiscali, non c'è altro a cui attaccarsi. Ahmetovic come testimonial potrebbe poi non apparire sulla pubblicità a pagamento (a parte perfettamente inutile dopo tutto il tempo in cui se ne è parlata, addirittura intervista ad Ahmetovic che chiedeva scusa, annunciava il suo libro ed indossava una maglietta con scritto "io sto con sundas"), un pò come le pubblicità-shock di Oliviero Toscani, spero mi sia perdonato il paragone.
Sull'altro blog ho scritto di questo, tranne le considerazioni sulla pubblicità. In compenso sono riconoscibile per un paio di sfuriate, contro la violenza verbale lì espressa. E' che sono sempre passato lì, e vedere il peggio del peggio mi ha fatto piangere, ed infuriare. In quel blog ho sempre osteggiato le aggressioni. Non potevo fare altro.
Come altro non si può fare contro la linea rom, non è un problema legale, ripeto, ma morale.

Anonimo ha detto...

Non so se ve lo siete persi ma a Verissimo hanno intervistato il menager che molto fiero delle sue azioni continuava a ripetere che "il mercato gli da ragione" anche se i media gli danno contro. Sarà vero che la gente compra? (Intima)

antonio ha detto...

Da quel che so, ha messo in vendita su ebay degli orologi. Poi li ha levati, per via delle proteste degli utenti. Ma non so se ne ha venduti alcuni. Della linea nei negozi, non so niente.
Mah, è probabile che Sundas si riferisca anche a certi oggetti che si vendono in negozi o all'autogrill, tipo manganelli con la svastica ed altri simboli. Oppure il turismo dell'orrore, con gente che va con la famiglia in posti come Garlasco, a vedere la villa dell'omicidio, mangando gelati e scattando foto. Lo riportavano i giornali più di un mese fa.

frapre ha detto...

solo in italia succedono queste cose... dove esiste solo il diritto degli altri, purtroppo!

frapre

Gisy ha detto...

Putrippo non è che solo in Italia succedono cose del genere, anazi sul modello americano proprio siamo schiacciati - presente O.J. Simpson?
Tutti ci hanno speculato su quel processo...

Poi qui, ci vanno dietro a queste porcherie, io credo che non ci sia ritorno e vanno in carcere senza gloria solo quei delinquenti ritenuti "sfigati" - lo stesso menager che ha proposto al rom la linea di abbigliamento ha pure proposto 50.000 euro mi pare ad Alberto Stasi perscrivereil proprio memoriale.
Andiam bene.
Quando ci sono i soldi di mezzo, è la rovina.

SerialLicker ha detto...

non sottovalutare chi mente: ricordo una puntata di Chi l'ha visto? in cui un ragazzo piangeva davanti alle telecamere la sparizione della fidanzata. C'erano ancora le telecamere, quando arrivò la scientifica con una ruspa. E trovarono il corpo della ragazza nel suo terreno, là dove lo aveva sepolto lui dopo averla ammazzata...
off topic? scusa :)

Gisy ha detto...

Ah beh, la paura di finire in carcere fa piangere - ma credo che a questi manchi un fatto che penso determinante se non fossero loro i veri colpevoli - la rabbia.

SerialLicker ha detto...

non credo fosse paura di finire dentro, almeno nel caso che ricordo e di cui ti ho parlato. Ricordo anche l'inviata di Chi l'ha visto? svestire i panni della fredda cronista e ritrovarsi a dire: gli avevo creduto anch'io, piangeva, era disperato...

antonio ha detto...

Lunedì, nel corso della trasmissione "Zoo di 105", dovrebbe intervenire telefonicamente una senatrice. Essa ha sentito, dalla radio sintonizzata su radio 105 del taxi che la portava all'aereoporto, dell'impegno che i conduttori del programma han messo nello sponsorizzare la petizione. Ha fatto sapere che interverrà lunedì in diretta, promettendo di presentare poi una proposta di legge in merito alla faccenda.
Poi voglio vedere se Sundas sarà veramente contento che lo Stato reagisce a questi fatti, come dice per giustificare la sua "provocazione"...