E’ vietata la riproduzione, parziale o totale, in qualsiasi forma e secondo ogni modalità, dei contenuti di questo blog, senza l’autorizzazione preventiva dell’autore.
Tutte le interviste, gli articoli, e le pubblicazioni artistiche realizzate da Gisela Scerman sono protette dal diritto esclusivo d’autore, e il loro utilizzo è consentito solo citando la fonte e l'autore e/o chiedendo il permesso preventivo dello stesso.

Creative Commons License



News e appuntamenti


x




IN LIBRERIA

18 ottobre 2007

NEL BLOG DI MELISSA

Metto un post per mettere le cose in chiaro: QUALCUNO CHE NON SONO IO, si è spacciato per me, scrivendo frasi e tesi senza fondamenti - discriminanti verso gli omosessuali sul BLOG di MELISSA PANARELLO, non sono io.Purtroppo c'è chi non sa come perdere tempo, visto che soffre di inesistenza.
Inutile dire che il mio pensiero è tutt'altro. Ma a quest'ora è lunga da ire, volevo solo precisare.

Che gli omosessuali son contro natura? Ma per piacere. Gli esseri umani son contro natura.

Notte a tutti.

g

10 commenti:

melissa panarello ha detto...

posso assicurarvi che gisy non c'entra nulla con quei post "razzisti" nel mio blog. tuttavia, esito a cancellarli perché in un certo senso li considero interessanti da un punto di vista strettamente clinico-letterario. sì, credo che rappresentino l'espressione pura e incontaminata di una mente superiormente organizzata. c'è qualcosa in quelle parole che ti tiene incollato allo schermo, che ti avvince, con una forza e un magnetismo tali da non poterne riscontrare l'analogo neppure nelle più belle pagine di Oswald Lichtenberg. Vi invito tutti a leggerle, glissando sui contenuti.

melissa panarello (quella vera) ha detto...

gisy, il maniaco/la maniaca sta facendo lo stesso giochino con me...il post di prima non è mio!! la dimostrazione che non sono un fake è che ieri sera stavi a cena a casa mia ed eri vestita di nero e parlavamo di fantasmi. un fake non potrebbe saperlo, questo ;)
spero che questo mentecatto/a la smetta presto, chè mi rendo conto che la frustrazione è una brutta bestia, che in qualche modo bisogna cavarsene fuori.

cri ha detto...

avevo letto anch'io... :/
evidentemente questo/a signore/a ha qualche problema.
I disordini dello sviluppo psico-mentale portano a uno stadio primitivo. In questo caso è evidente, il nascondersi per svelarsi manifesta qualche problema d'identità.
Lacan dice che ”l’ Io è un oggetto fatto come una cipolla, lo si potrebbe pelare e si troverebbero le
identificazioni successive che lo hanno costituito”.
Che il tipo/a si stia pelando?!

Oh, son quella vera
besos

bic ha detto...

Lacagna ha ragggione!!

antonio ha detto...

E' una storia che ho già sentito.
E' capitato anche a me, su un blog che frequento venne assunta la mia "identità" allo scopo di sputtanarmi, in un finto svilimento del mio comportamento, all'uopo di farmi vedere "perdente" nei confronti del "nobile" ignobile antagonista. Essendo però un blog frequentato dalle stesse persone, con familiarità tra loro, il finto me venne sputtanato.
Qui è diverso, nei vostri blog ci transitano molte persone, sommariamente.
Tenete gli occhi aperti, all'occorrenza rivolgetevi a chi di dovere. Violare gli account altrui è un reato, per cui bisogna rivolgersi alla polizia postale.
Con questi anonimi vogliacchi ci vogliono le maniere forti!

Gisy ha detto...

@ Fake - complimenti, un paranoico istruito.

@Meli - ma sì, lasciamolo che si inventi, se non esiste, l'unca preoccupazione che mi rimane personalmente è di dire agli altri che quello non sono io, e non sei tu ! Per il resto non cambia certo la vita. Ne è pieno il mondo di persone così, no non fanno eccezione, ma certo questo non toglie chenon rompano le palle...

@ Cri - ma sai che stanotte ti ho sognata? Ero all'univeristà e c'erano delle torte, poi dovevo svelarti "dei segreti" eh eh che ridere a pensarci.

@Antonio - Non vale la pensa discomodarsi tanto...

Tetsuya ha detto...

Gisy, Melissa, segnatevi subito gli IP del demente che vi impersona, e segnalatelo alla polizia postale. Non sono un esperto, ma credo che gli estremi per almeno una querela ci siano.

teapot ha detto...

Secondo me ci sono gli estremi per una scureggia.

Anonimo ha detto...

Sto vivendo anch'io persecuzioni simili nel mio privato ( e purtroppo anche pubblico ).
Quello che sta accadendo a me si chiama in gergo tecnico "stalking", ed è una cosa che, insieme alle altri folli e terribili, non auguro a nessuno.

Se la cosa finisce qui, Gisy e Melissa, ascoltate il consiglio di "teapot", ma se la cosa dovesse perdurare e peggiorare, seguite le indicazioni di "tetsuya".

Un abbraccio ad entrambe ( uno a testa! )..


Ciao!

gerardo

antonio ha detto...

Il tipo che ho citato io ha poi letteralmente infestato il blog in questione... usando di nuovo, senza successo, lo stesso trucco con altri che gli si contrapponevano. Alla fine è tornato al caro (per lui), vecchio, revisionismo storico, insulti, svastiche... alla fine anche i suoi accoliti l'han lasciato solo, giusto prima che venisse sporta una VERA denuncia alla polizia postale. Da allora il "puntino", tale il soprannome datogli da una sua fiera antagonista, è scomparso. Alla fine mostrare i denti è l'unico modo per farli scappare!