E’ vietata la riproduzione, parziale o totale, in qualsiasi forma e secondo ogni modalità, dei contenuti di questo blog, senza l’autorizzazione preventiva dell’autore.
Tutte le interviste, gli articoli, e le pubblicazioni artistiche realizzate da Gisela Scerman sono protette dal diritto esclusivo d’autore, e il loro utilizzo è consentito solo citando la fonte e l'autore e/o chiedendo il permesso preventivo dello stesso.

Creative Commons License



News e appuntamenti


x




IN LIBRERIA

07 ottobre 2007

Condivisione...

Melissa intervista gisy, gisy intervista melissa





L'evento che ritieni sia stato più importante della tua vita...

GISY: ESSERE VENUTA VIA DAL PAESE DI VICENZA

MELISSA: PER LA MIA VITA SICURAMENTE LA PUBBLICAZIONE DEL MIO

PRIMO ROMANZO. PER LA MIA FELICITA', INVECE, NON E' ANCORA

ACCADUTO ALCUN EVENTO.

C'è qualcosa che se potessi tornare indietro nel tempo non rifaresti o vorresti cancellare?

G: SI’, ESSERE AL MONDO

M: NO, NON PARTICOLARMENTE.

C'è invece il rammarico per qualcosa che non hai fatto e avresti voluto fare?

G: APPROFONDIRE GLI STUDI DI GENETICA

M: NO, NON PARTICOLARMENTE.

- Una cosa che per te sia valore assoluto...

G: LA GENEROSITA’

M: NON HO MAI AVUTO DEI VALORI, MA MI RITENGO UNA PERSONA ONESTA E LEALE. ECCO, CREDO CHE LA DIGNITA' SIA UN VALORE E RITENGO CHE DEBBA ESSERE UN VALORE ASSOLUTO. MA VALLO A SPIEGARE A CERTI PECORONI LA' FUORI

- Tre cose che vorresti sparissero dalla faccia della terra e tre che invece vorresti esistessero

G: I SOPRUSI, L’INVIDIA, LA GELOSIA

M: SONO TROPPE LE COSE CHE

VORREI NON ESISTESSERO,

MA MI LIMITERO' A TRE, SI'.

DUNQUE, LA PRIMA COSA CHE

VORREI CANCELLARE DALLA

FACCIA DELLA TERRA SONO

LE AUTOMOBILI, SEGUITE DAI

CELLULARI E POI

CANCELLEREI PURE TUTTI I

PARLAMENTI E I GOVERNI

DEL MONDO, NON

SERVONO, CI SI PUO'

BENISSIMO ORGANIZZARE IN

PICCOLI GRUPPI E

AUTOGESTIRSI. VORRE

I CHE INVECE ESISTESSE IL

SUPERPOTERE DEL

TELETRASPORTO, PERCHE' HO

PAURA DEGLI AEREI MA MI

PIACEREBBE ANDARE IN LAOS

E NON SO COME FARE. VORREI UN MONDO IN CUI UOMINI E ANIMALI

VIVONO IN SIMBIOSI E NEL RISPETTO, UN MODO VEGETERIANO. E POI

VORREI LA MACCHINA DEL TEMPO, OH, SAREBBE COSI' BELLO, POTREI

SCRIVERE E IL MIO ROMANZO SENZA SFORZARE TROPPO

L'IMMAGINAZIONE.

- Perché si devono sempre screditare i libri scritti da donne che fanno riferimento al sesso - nonostante si trasformano volentieri in successi editoriali?

G: DA’ FASTIDIO CHE UNA DONNA POSSA PERMETTERSI QUELLO CHE GLI UOMINI FANNO DA SEMPRE. - CIOE MANIFESTARE LA PROPRIA LIBERTA’ SESSUALE COME PIACERE ANZICHE’ COME DOVERE STRETTAMENTE CONIUGALE. LA PAROLA TROIA E’ UN’OFFESA ALLE DONNE, MA VARI UOMINI SENZA TROIE NON SANNO POI COME STARE. A VOLTE BISOGNEREBBE ESSERE COMPIACIUTE,E’ SINONIMO DI POTERE., UN POTERECHE RIGIRANO A SFAVORE.

M: PERCHE' UNA DONNA CONSAPEVOLE

DELLA SUA SESSUALITA' E' UNA

MINACCIA. UNA MINACCIA PER

L'INTEGRITA' DELLA SOCIETA', UNA

MINACCIA PER LA FAMIGLIA,UNA

MINACCIA PER L'UOMO, PER L'APPUNTO.

PERCHE' A TE PARE LOGICO CHE UNA CHE

HA RAGGIUNTO LA CONSAPEVOLEZZA DE

L SUO CLITORIDE SENTA IL BISOGNO DI

FARSI UNA FAMIGLIA E AVERE TANTI

NIPOTINI? IL SESSO IN ITALIA E' ANCORA

VISTO COME UNA COSA SPORCA, COME

FARE LA CACCA, UNA COSA DA ESPLETARE SENZA GIOIA NE' PIACERE. PER QUESTO, POI, QUANDO QUALCUNO NE

SCRIVE SI INDICA SUBITO COME UNO SPORCO AMORALE. TUTTO CIO' CHE VIVE DAL VENTRE IN GIU' E' VIETATO.

SONO GLI ANNI DELL'ILLUMINISMO, QUESTI, GLI ANNI DELLA RAGIONE. IL SESSO E' UNA

COSA PER MALATI.

-Cosa ne pensi del femminismo oggi?

G: UNA COSA DANNOSA PER LA MAGGIOR PARTE DELLE DONNE.

M: CHE NON HA PIU' RAGIONE D'ESSERE. LAICISMO, QUESTO

SI' CHE HA SENSO. MA PER TUTTI, DONNE, UOMINI, BAMBINI E

ANIMALI (IO CE LI METTO DENTRO SEMPRE)

-Come lo pensi il tuo futuro?

G: FATICO PENSARE ANCHE AL PRESENTE.

M: NON LO PENSO. NON PENSO AL PASSATO NE' AL

FUTURO. NON PENSO NEMMENO AL PRESENTE.

-Descrivendoti in massimo 5 aggettivi...

G: IRONICA, STANCA, ASESSUATA, CINICA, DOLCE.

M: PIGRA, CINICA, INGENUA, IROSA..IL QUINTO NON

MI VIENE

- C'è qualche autore con il quale ti piacerebbe collaborare?

G: SON TUTTI STRANIERI E NON SO BENE L’INGLESE

M: NO

-Ci sono degli autori anche del passato che per te son stati dei maestri?


G: THOMAS BERNHARD, ALBERT CAMUS, FABRIZIO DE ANDRE’, MIA MARTINI,PIERO CIAMPI. CMQ TANTI.

M: NO

- Qualcuno che stimi particolarmente?

G: ALCUNI MIEI AMICI.

M: NO

- Ci sono persone che ti hanno deluso, o incontrato

autori che ti aspettavi in un modo e invece

poi si sono rivelati

diversi ?

G: SI’, C’ERA UNO SCRITTORE CHE SCRIVEVA COSE CHE MI FACEVANO MORIRE DAL RIDERE - POI L’HO CONOSCIUTO E LUI ERA SEMPRE SERIO -E ANCHE SE FACEVA LE BATTUTE RIMANEVA SERIO LO STESSO.

M: CERCO SEMPRE DI

NON CONOSCERE GLI

AUTORI CHE AMO,

PERCHE' QUEI POCHI

CHE HO CONOSCIUTO

SI SONO RIVELATE

DELLE CAROGNE. DANNO IL MEGLIO DI SE' NEI

LIBRI, POI ALLA GENTE CHE VEDONO TUTTI I GIORNI DANNO

LA MERDA, QUELLA CHE NON HANNO IL CORAGGIO DI

SCRIVERE NEI PROPRI LIBRI. IO FACCIO IL CONTRARIO.

SCRIVO MERDA E REGALO ORO AI PASSANTI. VISTO CHE

GENEROSITA'?

- Di fatto trovi che il mondo sia un contenitore “buono” o “cattivo”?

G: DIPENDE DOVE E COME NASCI. DIREI CHE IL BUONO è COME TROVARE IL PAGLIAIO NELL’AGO. MA MI SBAGLIO SPESSO POI... MAGARI RISERVA SORPRESE MOLTO BEN NASCOSTE, ALTRI ME LO DIOCONO, MA IO ESCO POCO DI CASA.

M: NON LO SO, QUEL CHE E' BUONO PER ME POTREBBE NON ESSERLO PER

QUALCUN ALTRO, PER CUI NON PUO' ESSERE IN ASSOLUTO BUONO O

CATTIVO. VIVIAMO IN UN MONDO CREATO SU MISURA DA E PER GLI

UOMINI, PER CUI E' UN MONDO UMANO, E L'UMANITA' E' DI PER SE'

CATTIVA MA ANCHE SORPRENDENTE E, QUANDO CAPITA,GENEROSA.

- Tu non provi un senso di impotenza di fronte la cronaca di tutti giorni? Cosa si potrebbe reagire a questo?

G: SI’, E’ TERRIBILE – NON POSSO SENTIRLA LA CRONACA
MI VIEN DA PIANGERE PROPRIO PER QUESTO SENSO DI IMPOTENZA. HO PAURA A VOLTE, CHE QUESTO SENSO DI IMPOTENZA TRASFORMI ME A MIA VOLTA IN UNA CRIMINALE. NON CREDO SI POSSAFARE MOLTO. SPENGO LA TV.

M: CERTO. CI VORREBBE LA

RIVOLUZIONE FRANCESE. I

METODI PACIFISTI NON MI

SONO MAI PIACIUTI E SONO

COSI' DEBOLI

CHE I POTENTI NON HANNO

TARDATO TROPPO AD

ASSORBIRLI. ORMAI PACE E''

UNA PAROLA CHE USANO A

SINISTRA

COME A DESTRA, LA USA BUSH E POI IL

PISCHELLO DEL CENTRO SOCIALE. NON VA

BENE, QUESTO. BISOGNA CAMBIARE

ATTEGGIAMENTO, ARMARSI. SARO' PURE

VIOLENTA, MA QUESTO MONDO HA

BISOGNO DI UNA SCOSSA, SOMIGLIA

TANTO A QUEI RAPPORTI TIEPIDI IN CUI DUE PERSONE NON

HANNO PIU'NULLA DA DIRSI. NON DICO DI TORNARE ALLE BR,

MA APPUNTO ALLA

RIVOLUZIONE FRANCESE. SPAZZARE VIA CLERO E CASTA, SPAZZARE VIA LE CORPORAZIONI,

LE MULTINAZIONALI.

-Se c'è, una frase che vorresti dire a tutti...

G: ABBIATE RIGUARDO DELLE PERSONE VIVE E VEGETALI.

M: OGESU'

Cominciamo dagli inizi, che bambina eri? Cosa ti piaceva fare? Quali erano i tuoi giocattoli preferiti? E come ti piaceva vestirti? E che musica ascoltavi? E come passavi il tuo tempo?

G: ERO TRANQUILLA, DORMIVO SPESSO,COME ORA DEL RESTO. MA AVEVO DELLE INQUIETUDINI- ODIAVO TUTTI I CARTONI ANIMATI DA BAMBINA CHE MIA MAMMAVOLEVA CHE IO GUARDASSI (TIPO CANDY CANDY O GEORGIE) lADY-OSCAR GIA' MI INTRIGAVA DI PIU' CHE NON SI CAPIVA SE ERA UNA DONNA O UN UOMO –(POI AMO GLI UOMINI ANDROGINI) ODIAVO LE COSE DA RAGAZZA LEZIOSE -
ALLORA GUARDAVO SEMPRE I CARTONI “DA MASCHIO” TIPO L'UOMO TIGRE O GIGO ROBOT. I GIOCHI PIU’ CHE ALTRO ERANO ALL'APERTO, TIPO FABBRICARE TRAPPOLE ARTIGIANALI PER ANIMALI SELVATICI, ARRAMPICARMI SUGLI ALBERI STARMENE SOPRAA LEGGERE DEI TOPOLINI O CAVARNE LE CILIEGE, ESPLORARELE GROTTE E OSSERVARE LE COSE DELLA NATURA, POI GIOCAREA PALLONE. HO AVUTO UNA GRAN REPULSIONE PER I VESTITI DA BAMBINA, TIPO GONNE FIOCCHETTI E PER IL ROSA, AVREI VOLUTO ESSERE UN MASCHIO, SON CRESCIUTA IN MEZZO A RAGAZZINI. ASCOLTAVO I BEATLES E MIA MAMMA PER UN PERIDO ERA INVASATA DI GIANNA NANNINI. “BELLO BELLISSIMO” GLI RICORDAVA UN SUO MOROSO CHE AVE VA GLI OCCHI NERI DA ORIENTALE, MA ERA POI DA FORLI' - CREDO SIA SCHIATATTO DI RECENTE.

M: ERO TACITURNA E SAGGIA, COME LO SONO ADESSO, D’ALTRONDE J. FINO AI SETTE ANNI SONO STATA FIGLIA UNICA, QUINDI MI TOCCAVA ARRANGIARMI DA ME PER GIOCARE. NON AMAVO I GIOCATTOLI, A QUATTRO ANNI I MIEI MI REGALARONO UNA MACCHINA DA SCRIVERE E CON QUELLA HO COMINCIATO A SCRIVERE. GIOCAVO “ALLA SCRITTRICE PERSA NELL’ISOLA DESERTA”, MI INSTALLAVO IN GIARDINO E SCRIVEVO IMMAGINANDO DI ESSERE REDUCE DA UN NAUFRAGIO. SCRIVEVO LE MIE MEMORIE, E A QUATTRO ANNI AVEVO UN SACCO DI MEMORIE. INDOSSAVO SEMPRE COMPLETINI DA BAMBINA PERBENE, CHE MIA MADRE PAGAVA UNA FRACCA DI SOLDI. IL MIO PREFERITO ERA UN VESTITO BLU CON SCOLLO ALLA MARINARA E UN GRANDE FIOCCO DI RASO AL CENTRO. POI METTEVO LE BALLERINE LUCIDE E LE CALZETTINE BIANCHE. IL SOGNO DI QUALSIASI PEDOFILO, INSOMMA. TALVOLTA INDOSSAVO MAGLIONI DI LANA A COLLO ALTO AD AGOSTO, MI E’ SEMPRE PIACIUTO SOFFRIRE. LA MUSICA? DA MINA A MIA MARTINI, LOREDANA BERTE’ E I DEEP PURPLE. MIA MADRE MI VIETO’ LE CANZONI DI CRISTINA D’AVENA.

Che rapporto avevi con laltro sesso, a quel tempo? Come trattavi i bambini del quartiere? Come giocavate? Eri una leader o te ne fregavi degli altri?

G: ERO L'UNICA RAGAZZA IN QUEL POSTO, E CI SARANNO STATE AL MASSIMO 50 CASE, GIOCAVO SOLO CON RAGAZZI, CERCAVO I REPERTI DI GUERRA, GIOCAVO A PALLONE, E CAMMINAVAMO SU PER LE MONTAGNE – DOVEVO FARCELA, NON VOLEVO ESSERE DA MENO - A VOLTE ERANO UN PO' SADICI, MI FACEVANO PESARE IN UN QUALCHE MODO CHE FOSSI UNA BAMBINA E IO NE RISENTIVO; A VOLTE ANDAVANO PESI ANCHE CON GLI SCHERZI: RICORDO CHE UNA VOLTA MI LEGARONO CON DEL FILO SPINATO COSI' PER DIVERTIMENTO-ALTRE VOLTE A MIA VOLTA CON RAGAZZI PIU' QUIETI DIVENTAVO MALEDUCATA,RICORDO CHE PRESI A FRUSTATE DI SPINE UNO E SI MISE A PIANGERE – NON AVEVAO PIU' DI 11 ANNI - IN CERTE ZONE LA VIOLENZA DIVENTA UNA SOLUZIONE DL SANGUE. MI SPIACE A PENSARCI.

M: NON GIOCAVO CON I BAMBINI DEL QUARTIERE. E A SCUOLA I MIEI COMPAGNI NON MI INVITAVANO MAI ALLE FESTE, SARA’ PER QUESTO CHE DA GRANDE POI LE HO ODIATE, LE FESTE.

Perché secondo te durante l’infanzia è più facile essere se stessi? E’ davvero l’unico momento della vita, insieme agli ultimi istanti prima della morte, in cui si possono sparare cazzatesenza esseregiudicati? O si possono sparare anche dopo, le cazzate? (coscientemente, dico)

G: SI HANNO MENO MEZZI DI CONFRONTO CON IL MONDO, E ANCHE LA CAPACITA ' DI ELABORARE GRANDI TEORIE - COMPRESELE MENZOGNE VERBALI E DELL'AGIRE E' PIU' SCARSA – POI DIAMO PERSCONTATO A QUELL'ETA DI AVER RAGIONE PER LO STESSO FATTO CHE SI E' COSI.- IL CONFRONTO CREA IL SENSO COMUNE L'INADEGUATEZZA DI CONSEGUENZA CI SPOSTA

M: IO CONTINUO A SPARARLE, COSCIENTEMENTE. POI VENGONO FUORI ANCHE QUANDO NON VOGLIO, A E’ UN RISCHIO DA CORRERE. CREDO CHE NON SI DEBBA MAI CRESCERE TROPPO, CONTRASTARE A TUTTI I COSTI L’ARRIVO DELLA VECCHIAIA A COLPI DI LECCA LECCA E CODINE E RISATE.

Quando sei cresciuta e hai sentito gli altri fischiarti dietro, cosa hai provato? Hai capito di possedere un qualche potere? Oppure ti fiondavi davanti al primo specchietto disponbile per controllare che non avessi una caccola appiccicata ai capelli?

G: OH SI' CERTO NE ERO FELICE E MI RIEMPIVO IL REGGISENO DI COTONE! MA E’ ANCHE VERO CHE IO MI SENTIVO INIZIALMENTE MENO CITTADINA DI ALTRE CHE ABITAVANO NELLA PIAZZA DEL PAESE AD ESEMPIO ! LA VERA FORZA L'HO VUTA DOPO I 13 ANNI CON UN FIDANZATO CHE MI ADORAVA , E CON QUALE SONO TUTT’ORA AMICISSIMA - DOVE HO SCOPETRTO IL VERO MONDO DEL POTERE FARE, DELL'AGIRE - E' LA DONNA CHE DECIDE IN GENERE - SE HA CONSAPEVOLEZZA ...LO SPECCHIO ERA COMUNQUE SEMPRE CON ME, ORA MENO - MA SON SEMPRE STATA UNA GRAN NARCISISTA! MI SPECCHIAVO MENTRE MANGIAVO, A LEZIONE, DA SOTTO, IN SU, DI LATO, DI TRE-QUARTI, PENSAVO FOSSE IMPOSSIBILE CHE QUALCUNO POTESSE ANCHE NON DESIDERARMI ! SI' UN PO' DI MANIE DI GRANDEZZA LO AMMETTO ! MA IN PARTE ME NE DAVANO CONFERMA..ERA COSI PER TUTTE LE RAGAZZE CARINE PERO' :).

M: HO PRESO COSCIENZA DELLA MIA FEMMINILITA’ VERSO I QUATTORDICI ANNI, QUANDO UN RAGAZZINO PIU’ GRANDE DI ME MI DISSE “STASERA MI MASTURBERO’ PENSANDOTI”. MI SONO SENTITA POTENTISSIMA E DA ALLORA HO SEMPRE CREDUTO CHE

AVREI POTUTO FARNE CIO’ CHE VOLEVO DEGLI UOMINI.

Oltre alla questione economica, perché hai scelto di diventare una modella fetish e non

una modella e basta?

G: QUI GIOCA IL CASO – MI APPASSIONA ANCHE IL FETISH SI', MA ALL'INZIOERA LA NECESSITA' DELL'ESIBIZIONE. ESSERCI IN UN QUALCHE MODO - FARMI VEDERE DI PIU' E QUESTI SIGNORI AUTORI ME NE HANNO DATO LA POSSIBILITA' . POI A VOLE TI TROVI IN STRADE CHE TI DIMENTICHI ANCHETE PERCHE' LE HAI PRESE. MI HA INSEGNATO MOLTO QUESTO LAVORO, COME FARE LA CAMERIERA DEL RESTO. SONO ESPERIENZE DI VITA.

Perché, invece, hai deciso di scrivere?

G: NECESSITA' MALESSERE E MALINCONIA. HO SEMPRE SCRITTO DAI 10 ANNI IN POI. NATURALMENTE QUANDO LO SI INTRAPRENDE COME LAVORO POI CI SI AFFINA ANCHE –MA DI BASE CREDO CI DEBBA ESSERE UNA NECESSITA' DI GRIDARE- UNA CONDIVISIONE. ANCHE SCRIVERE A SUO MODO E' UNA FORMA DI ESIBIZIONE; UN MALATO CHE DICE, EHI GUARDATE STO
MALE, STO MALE - SON QUI. PER ME E' UN PO' COSI.POI OGNUNO HA PROPRI MESSAGGI...

M: PERCHE’ ERA, ED E’, IL MIO UNICO MODO DI COMUNICARE. NON SONO CAPACE DI COMUNICARE IN ALTRO MODO. E UN ESSERE UMANO NON PUO’ VIVERE NELLA COMPLETA SOLITUDINE, AVRA’ PURE IL DIRITTO DI ESPRIMERSI IN QUALCHEMODO.

C’è unepoca in cui ti sarebbe piaciuto vivere? Se sì quale? Se no, ti piace vivere in questa, di epoca?

G: MI SON SEMPRE SENTITA FUORI TEMPO E FUORI SPAZIO. GLI ANNI '50. MA

NON IN ITALIA.QUI LO ACCETTO.

M: HO SEMPRE SOGNATO ESSERE UNA SPADACCINA, COME LADY OSCAR. OPPURE UNA STREGA DURANTE IL MEDIOEVO. OGGI LE STREGHE SONO INFLAZIONATE, E VENGONO TRATTATE FIN TROPPO BENE, CON RISPETTO QUASI.

Un sogno ricorrente?

G: AH, VARI, GATTI CHE MI PARLANO, PERSONE CHE POI SI RIVELANO ESSERE DEMONI, MORTI, FERITI, UN GRAN VENTO. OMICIDI DI ALTRI, IO CHE VENGO UCCISA,MORTI CHE MI MINACCIANO, MORTI CHE MI RASSICURANO.....MORTI CHE FANNO GIROTONDO E STANNO BENE. ALCUNI SONO MIEI AMICI, QUANDO STO PER SVEGLIARMI LI SALUTO. LORO DEVONO RESTARE LA'

M: DA BAMBINA SOGNAVO DI STARE IN UN CASTELLO DEGLI ORRORI. UN UOMO BELLISSIMO E OSCURO MI CHIEDEVA DI FARE L’AMORE CON LUI, SE NO AVREBBE UCCISO MIO FIGLIO. L’HO FATTO PER VARI ANNI, POI VERSO I DODICI ANNI NON LO FECI PIU’.

Un rimpianto?

G: NON ESSERE RIUSCITA A MANDARE A FANCULO ALCUNE PERSONE. C'E’ CASO CHE PRIMA O POI LO FACCIA, MAGARI TRAMITE I LIBRI

M: NO

Ti era mai capitato di ricevere delle domande da una che non le sa fare, come me?

G: NO MAI !

La stessa intervista la potete trovare sul Blog di Melissa Panarello a questo ind ! http://melissapanarello.wordpress.com/2007/10/07/melissa-intervista-gisy-gisy-intervista-melissa/

15 commenti:

antonio ha detto...

Se non fossi mai nata, non ti avrei mai conosciuta. Se non ti avessi mai conosciuta, non avrei potuto sentire la tua mancanza. Forse...
Siamo il risultato delle esperienze che facciamo, delle persone che conosicamo. Non sarei cambiato di una virgola, se non ti avessi conosciuta? Non avrei parlato di Giovanna Casotto, di fotografie, di fotoritocchi, di libri, di autori, di Piero Ciampi, di sesso, di cucina, di far l'amore nel modo in cui ho parlato qui, nel guestbook e con le email. Non mi avresti stimolato, e non mi avresti fatto stare in tensione quando non rispondi alle mie email.
Non mi sarei affezzionato ad una scrittrice, in modo così personale. Non mi sarei affezzionato a te. In quando non saresti esistita, se non fossi nata.
Paradosso temporale: se non fossi esistita, non avresti potuto impedire il venire al mondo. Quindi saresti esistita.
Continua a farlo, te ne prego. Continua ad esistere.
Che poi ho scoperto un altro lato in comune: i cartoni di robot!! Decisamente una passione. www.encirobot.com è un buon punto di partenza, con youtube ne trovi di filmati. Cerca "yuusha", è un buon punto di partenza! Rifatti gli occhi! :-D
Spero che potremo continuare a sentirci.
Davvero.

franz41100 ha detto...

Cara Gisy,
ho trovato molto interessante questa intervista doppia, anche se sul computer non la visualizzo bene e mi sono perso dei pezzi di frase.
Mi ha molto colpito che tu ti sia definita "asessuata": leggendo il tuo blog e i tuoi scritti, per non dire guardando le tue foto, avrei detto tutto il contrario. Sono io che mi sono fermato all'apparenza o la definizione ha bisogno di una spiegazione?
E poi scusa la curiosità, se puoi rispondere: ma lo scrittore che fa ridere quando lo si legge ed è serissimo come persona per caso è Ermanno Cavazzoni?

Anonimo ha detto...

Gisy, spero di averti ispirata io a questa intervista doppia (visti anche i molti riferimenti a Mia Martini). Siete due persone così diverse. Peccato che Melissa sul suo blog non risponde mai, a meno che tu non la offenda in qualche modo o non le dica qualcosa di suo interesse.
Un bacio.
(Intima)

Anonimo ha detto...

anche io non riesco a vedere dei pezzi di frasi....peccato.
una curiosità Gisy: perchè vorresti cancellare il fatto di essere venuta al mondo?noi come faremmo a leggerti?
un bacio
Ludwig
luisll@jumpy.it

Gisy ha detto...

Questa intervista mi fa impazziere, e unagran fatica ad allinearla, cmq ho provato con molta pazienza mettere parecchie foto ai margini per poterfare da gabbia alle parole, ma è ancora un pò stagliuzzata!

Allora in ordine

@Antonio - Si prende coscienza di cò che c'è, quel che nonc'è nonc'è. Magari oggi se tempo fa qualcuna ha abortito avrebbepotuto esserci almondo la persona più importante della nostra vita - così se io non ci fossi, beh ci sarebbe altro. Siam semprel'un l'altro dei pretesti erfarci passare la vita più o meno bene. Grazie del bel pensiero...Per le animazionici guarderò senza'altro!

@Franz - Asessuata significa per me che do un peso relativo al sesso - azione. Anche se non posso negarae ad esempio che l'esibiozismo steso se vogliamo rientra nella sfera della sessualità...Ma non ci do troppo peso. Esiste so che c'è, in passato è stato un grande maestro per avvicnianrmi alla mente delle persone. Gli episodi, i racconti mi piacciono sempre molotissimo pcerhé mi continuano ad isegnare, mi piace ascoltare. Se vuoi a volteèanehun'analisi "a freddo" il sesso mi diverte, ma potrei essere uno di quei casi che parla tanto ma... :) (ci crede nessuno?)
Cmq fidati che qundo stai male, ilsesso va giù di valore, c'è ben altro che ti "tocca"...

Per l'autorenon faccio nomi...ma non è Ermanno ! Tra l'altro lo devo intervistare da un secolo!

@ Intima - è stata un'idea di Melissa, e mi ha anticipato, pure io avevo in mentedi fargliene una, ma magari aspettando il suo prossimo libro.
Cara Meli, non è una che se la tiraaffatto - è una ragazza decisa generosa, e come dici se la conosce da vicino regala sorrisi. Però capisci anche che con ilsuccesso cehha avuto legato al suo primolibro, ha un saco di mosche che le ronzano attorno - e se è per difendersi tira fuori gli artiglietti, ma se dovesse dare spago a tutti quelli che le chiedono passerebbe la vita dedicandola soolo agli altri. Per me è diverso, nn sono così nota! Però di garantisco che appena uscito il libro pure io non ne potevo più di cellulari, giornalisti,ufficio stanpa, insulti - gente che ti chiama i negozianti - amici mai più visti da secoli che risorgono ti chiamano...immagino questo amplificato alla N per Meli.
Un pò la capisco, ma non farne un fatto personale. Ha un bel cuore.


@ Ludwig- Eh ce n'è di roba!

franz41100 ha detto...

Cara Gisy,
grazie della risposta che non era scontata visto che ti avevo fatto una domanda molto personale. SO bene anch'io che in certi momenti dell'esistenza il sesso non è una priorità e si ha un bel dire che l'attività sessuale fa stare meglio, ma a volte manca la molla.
Che tu parli tanto e concluda poco non ci credo nemmeno per un secondo! ma condivido l'idea che il sesso sia anche una grande prospettiva per l'immaginazione, una costruzione della fantasia e che dunque sia un fatto narrativo oltre che fisico. Nel tuo caso, scusa se ti dico questa cosa, mi pare che la cosa valga nel doppio senso: tu sei una brava scrittrice, ma per come ti vedo io (prendilo come un complimento, per favore) potresti anche essere un personaggio di Nabokov o, che so, di Simenon.

antonio ha detto...

Chissà, magari se non ci fossi bisognerebbe inventarti.

Gisy ha detto...

@ Franz - Beh grazie del riferimento letterario - c'era qualcuno che diceva anche "lacaimo le belle donne agli uomini senza fantasia" e ad una donna con fantasia?

@ Antonio - ;)

Alberto ha detto...

Scusami, ma non volevo fare un commento all'intervista in questione ma volovo soo sottolineare che una delle foto che hai inserito mi ha molto colpito. Tutto qua. Ciao.

Gisy ha detto...

Beh grazie, qual è la foto?

:)

Anonimo ha detto...

Ma io non intendevo che melissa se la tirasse a non rispondere, ho solo detto che è un peccato, ma ti assicuro che posso comprendere benissimo la situazione in cui si trova. Per il fatto che tu non sia famosissima, beh io dico che te lo meriteresti perchè ce ne vuole a trovare persone come te. Purtroppo in questo mondo la giustizia non sempre è molto giusta, c'è chi ce la fa pur non meritandoselo e c'è invece chi ha molto da dare ma non gli vengono date le opportunità. Io ti auguro tanta serenità, che ne abbiamo un po' tutti bisogno, anche se non ce lo diciamo. (Intima)

antonio ha detto...

Ricordo l'accostarti di qualcuno ad una Lolita impunita...
Beh, alle donne con fantasia... va ciò che capita come a tutti, no? Magari la prendono un pò meglio, grazie alla immaginazione. O forse a causa di questa patirebbero la delusione della differenza tra realtà e fantasia.

Gisy ha detto...

@- Intima- Meli la prima volta che io la conobbi non è che subito fu di baci e abbracci, ma poi una volta che una persona conquista la sua fiducia, (e questo oltre ad avvenire a pelle ci vuole un pò di tempo reale) diciamo dà il cuore, e questo secondo me sarebbe giusto nei rapporti. Ci sono dei falsi che a volte ti leccano talmente i piedi che devi stare attento che non te li mangino prima o poi !

POi io credo in quanto alla fama (dico la fama grande che tutti sanno chi sei)- che per una persona, ! sia più dannosa che altro, una volta placato i primi vezzi dell'orgoglio. Te non riesci avere una vita trnquilla; uno in quella situazione fa fatica anche a essere il bello che sarebbe, perché cmq non si può essere belli con tutti, anche se sei una buona anima, la migliore sulla terra!.

L'importanteè scegliere a chi darsi e il pubblico che puoi ti vuol bene, capirà,anche messaggi come i tuoi fanno bene al cuore...

franz41100 ha detto...

Cara Gisy,
è semplice, alle donne con fantasia servono molti uomini, perché uno solo non può contenerle. Sai che il prossimo festivalfilosofia, proprio a Modena, è dedicato proprio alla fantasia?

Alberto ha detto...

la foto è la quarta dall'alto...occhi impressionanti però devo dire che anche la 15 sempre dall'alto è molto artistica anche se da il senso che qualche cosa ti faccia paura. Ciao.