E’ vietata la riproduzione, parziale o totale, in qualsiasi forma e secondo ogni modalità, dei contenuti di questo blog, senza l’autorizzazione preventiva dell’autore.
Tutte le interviste, gli articoli, e le pubblicazioni artistiche realizzate da Gisela Scerman sono protette dal diritto esclusivo d’autore, e il loro utilizzo è consentito solo citando la fonte e l'autore e/o chiedendo il permesso preventivo dello stesso.

Creative Commons License



News e appuntamenti


x




IN LIBRERIA

17 giugno 2007

L'amore in sintesi


Ed ora che erano diventati una cosa sola, cosa se ne facevano l'un dell'altra?

aggiungerei pure

Senza di te non posso vivere, ma quando ci sei che rottura di balle.

eh, eh.

gisy

9 commenti:

cri ha detto...

Dai, dai, che ce n'è da fare...
;*

Alberto ha detto...

beh .... "Ed ora che erano diventati una cosa sola, cosa se ne facevano l'un dell'altra?"
ma sinceramente penso che VIVEVANO FELICI tutto qui semplice anzi no difficilissimo perchè trovare finalmente una persona con la quale stare bene e basta è la cosa più difficile del mondo...ad alcuni capita più volte ad altri una volta sola (qui mi ci metto io) ed ad altri mai purtroppo! Quando ti capita però tienitela stretta più che puoi non perchè non ti possa scappare ma almeno se succede hai colto l'attimo e vissuto ogni momento con la persona che ti ha reso felice anche se solo per un breve periodo...baci a tutti.

Gisy ha detto...

Sai com'è io spesso ho una visione un pò pessimista...ma me ne rendo conto, e continuo a concordarmi.
Del resto dov'è la felicità a lungo?

Ilaria ha detto...

Mi viene in mente come contraltare questa frase di Pavese: Se tu sei tu, io sono io - il che vuol dire che non so che cosa farmene...
Mi sa che sull'amore si può davvero teorizzare tutto e il contrario di tutto... :-) (Ti ho linkata anch'io)

Gisy ha detto...

Eh più o meno - pure la poesia dipende molto dalle proprie esperienze e dalla genetica naturalmente...Pavese aveva "qualche" carta in più per esprimersi...

:p

cri ha detto...

"Ay qué trabajo me cuesta
quererte come te quiero!

Por tu amor me duele el aire,
el corazòn
y el sombrero.

Quién me comprarìa a mì,
este cintillo que tengo
y esta tristeza de hilo
blanco, para hacer panuelos?

Ay qué trabajo me cuesta
quererte come te quiero!"

dal dimenticato Garcìa...

Gisy ha detto...

Ma Garcìa Lorca?
mi pare bella, ma se fosse in italiano lodirei con più certezza, eh Cri, ignorantison !

cristina ha detto...

Eh, eh, eh, hai ragione, e mica che io lo sappia lo spagnolo, anche se mi piacerebbe molto, è che le traduzioni smorzano, così a volte è meglio non capire qualcosa, ma leggere l'originale.
Cmq ecco:
( mi ero dimenticata anche il titolo: "Es veredad" "E' vero")

"Ah, che fatica mi costa
amarti come ti amo!

Per il tuo amore mi duole l'aria,
il cuore
e il cappello.

Chi mi comprerà
questo cordone che ho
e questa tristezza di filo
bianco, per far fazzoletti?

Ah, che fatica mi costa
amarti come ti amo!"

F. Garcìa Lorca

Gisy ha detto...

Beh che dire...rende l'idea.