E’ vietata la riproduzione, parziale o totale, in qualsiasi forma e secondo ogni modalità, dei contenuti di questo blog, senza l’autorizzazione preventiva dell’autore.
Tutte le interviste, gli articoli, e le pubblicazioni artistiche realizzate da Gisela Scerman sono protette dal diritto esclusivo d’autore, e il loro utilizzo è consentito solo citando la fonte e l'autore e/o chiedendo il permesso preventivo dello stesso.

Creative Commons License



News e appuntamenti


x




IN LIBRERIA

03 settembre 2006

Learco Pignagnoli

Finalmente!
E' uscita l'opera completa di LearcoPignagnoli. Lo sconosciuto autore, che nonsi fa mai nè vedere nè trovare...Ma esisterà mai poi questo Learco Pignagnoli?
Bè se esiste, un'intervista prima o poi me la rilascrà pure.
Decisamente è un tipo di umorismo che non è al solito di battuta o barzelletta. E' tra la tragedia e lo sbellicamento da tragedia, letto tutto un fiato, e per me è un record...
Poi sentirlo letto ancora meglio...se ci sono i convegni in giro per l'Italia non perdeteveli...

Vi lascio alcuni estratti della suo opera. Alcuni tra i più corti che a trascrivere poi si fa fatica...

Opera n.1

Conoscevo uno che sbagliava sempre le parole.
Una volta voleva dire polipo, ha detto flauto.

Opera n.7

C'era Tenaglia che non aveva mai letto un libro. Un giorno ne ha comprato uno e l'ha letto tutto in un fiato. Solo che non gli è piaciuto mica tanto.

Opera n.13

Tranne me e te, tutto il mondo è pieno di gente strana. E poi anche te sei un po' strano.

Opera n.14

Alberto Bevilaqua, tutte le volte che pubblica un libro, mette una sua fotografia in copertina dove appare sempre sorridente e con il mento appoggiato alla mano chiusa a pugno.
Che cazzo ha sempre da sorridere?

Opera n. 28

Secondo il Corano, non è vero che Gesù Cristo l’hanno crocifisso. Gesù Cristo, dice il Corano, l’hanno impiccato, e al suo posto, sulla croce, ci hanno messo un tipo che si chiamava Sergio.

Opera n. 64

Dicon tanto che i matti, è colpa della società, mentre invece son loro che han la testa bacata.

Opera n. 90

Bottazzi, gli ho scritto che volevo ammazzarmi, e m’ha risposto solo dopo due mesi.

7 commenti:

LEI_LUI ha detto...

io lo ho letto il giorno dopo l'uscita
lo adoro perchè lo citava pure Paolo Nori...

il tuo blog è completo
completamente da starci dentro

wow...
Paolo nori intervistato...
il libro di LEARCO...

bello.
vero.
ciao

Gisy ha detto...

He he he grazie...
Fa troppo sbellicare. Poi c'è da dire che nel libro ci sono cose che nei convegni non ci sono.
Anche se i convegni dal vivo sono eccezionali...
Basta con l'umorismo da cabaret, o insomma basta solo quello...
Avrei voluto scriverne di più di opere...ma puf,puf...
Ah saprai bene tra le altre cose che è ucito il nuovo di Paolo Nori..."e noi la farem vendetta"...

:-)

Eliselle ha detto...

Ciao bella.
Ti devo parlare di una cosetta.
Mando e-mail, mi raccomando scarica la posta ;)

LEI_LUI ha detto...

si grazie
"noi la farem vendetta"
lo ho già ordinato

ora sta nel mio libraio essere veloce nel procurarmelo!!!

ti consiglio la collana delle pubblicazioni "SCRITTOMISTO"
in particolare ARKANGEL
<<27 ANNI E NON SONO ANCORA MORTA>>
di sicuro conosci già...
comunque se hai voglia di una mezzoretta di risate...
io lo ho accompagnato a quello di SPAD...

ti leggo
buon proseguimento
ciao

Eliselle ha detto...

Una e-mail nuova ti attende :D

warzaw ha detto...

Finalmente! Il libro di Learco arriva un po' come un album live. Anzi sarebbe meglio dire come gli atti di un convegno. Anzi di più convegni. Ma il concetto è che comunque dopo che si è assistito sbellicandosi dalle risate a uno, due, tre convegni sulle opere di Pigna (ballabili e no) si ha finalmente l'occasione di rivivere quei bei momenti tra le mura della propria casa, o della propria stanza, o delle proprie stanze, da soli o magari con compagnie scelte. Leggere e rileggere quelle massime che la prima volta, quando non sai cosa aspettarti, ti sconvolgono e vomiti improvvisamente risate che avevi sopite da secoli, fino a farti venire male alla mandibola (o dietro alle orecchie)... Anche se poi alla fine Learco trasuda pessimismo e sconforto, frustrazione e un vissuto da emarginato. Però si ride. E' quantomeno una situazione inquietante.

Gisy ha detto...

Sì, son d'accordo, comunque nel libro ci sono anche un sacco di cose che bei convegni non ci sono state. C'è anche il romanetto autobiografico...he he he