E’ vietata la riproduzione, parziale o totale, in qualsiasi forma e secondo ogni modalità, dei contenuti di questo blog, senza l’autorizzazione preventiva dell’autore.
Tutte le interviste, gli articoli, e le pubblicazioni artistiche realizzate da Gisela Scerman sono protette dal diritto esclusivo d’autore, e il loro utilizzo è consentito solo citando la fonte e l'autore e/o chiedendo il permesso preventivo dello stesso.

Creative Commons License



News e appuntamenti


x




IN LIBRERIA

26 maggio 2011

“La pedofilia? Un orientamento sessuale come l’omosessualità”



23 maggio 2011 Lo afferma Luisa Santolini, parlamentare UdC, durante la discussione in aula del Ddl Concia.
Perché una legge per punire chi discrimina gli omosessuali? L’omosessualità è un “orientamento sessuale” come tanti altri: c’è chi è gay, poi c’è chi è etero, e poi c’è chi è pedofilo… L’equiparazione fra pedofilia ed omosessualità non è stata pronunciata da qualche buontempone, ma da un deputato della Repubblica proprio nell’aula di Montecitorio, sollevando un vespaio di polemiche da parte di Paola Concia, promotrice del Ddl attualmente in discussione.
UGUALI UGUALI – A pronunciare le parole, invero pesanti e forse poco ponderate, l’esponente dell’UdC Luisa Santolini, che finisce immancabilmente sulle agenzie di stampa. ‘

Il mio orientamento sessuale e’ l’eterosessualità, ma c’e’ ne sono anche altri, come l’omosessualità e la pedofilia’. Lo ha detto la parlamentare dell’Udc, Luisa Santolini, intervenendo in Aula durante la discussione generale sul testo di legge contro l’omofobia. L’affermazione dell’esponente centrista ha fatto andare su tutte le furie la prima firmataria del provvedimento e relatrice di minoranza Paola Concia. ‘La pedofilia e’ una malattia – ricorda il deputato – non certo un orientamento sessuale…’.

ma vi pare normale che dobbiamo stare a sentire e subirci simili stronzate da parte di un deputato ? Ma li mandassero a cavar patate dai campi.

4 commenti:

Anonimo ha detto...

Grazie per avermi fatto conoscere Ermanno Cavazzoni, che ho scoperto perche' e' tra i tuoi autori preferiti. Ho letto Il poema dei lunatici e ora leggero Storia naturale dei giganti. E' assurdo che nessuno conosca Cavazzoni e la sua opera... o forse e' meglio cosi', la bellezza e' una cosa per pochi.'
Grazie
Marco

Gisy ha detto...

Ecco questi grazie sono quelli che amo di più, danno un senso a quello che sembra perduto. Invece appunto per fortuna c'è ancora chi apprezza, e per questo vale la pena potare avanti tutto questo.

Fabio ha detto...

Ad oggi la classe politica italiana, quasi nella sua interezza(le eccezzioni sono diverse, ma in quanto tali purtroppo non regola)rappresenta il peggio di quello che questo paese può offrire; ed è triste questa cosa, perchè i politici, in un mondo ideale, dovrebbero rappresentare la sintesi del meglio di una nazione...l'affermazione della parlamentare(sic) non meriterebbe rilievo e commenti, se non fosse che tenerla presente ci ricorda quanto l'ignoranza possa essere pericolosa...

Gisy ha detto...

sì, dici bene in un mondo ideale, ma qui cosa resta di ideale?
Nemmeno gli ideali di oggi hanno più senso nell'essere chiamati tali. E me ne rammarico, è una grande disfatta.
Un declino morale portato tale solo per fare gli interessi di pochi e lo sfacelo dei più.
dobbiano avere dei coglioni simili che vengano a dettare legge?
ma stiamo scherzando? e questi prenderebbero fior di quattrini quando non sanno distinguere il giorno dalla notte?
No, non ci siamo.
Son cose che fanno incazzate. Nel '68 hanno fatto grandi minchiate i cambiamenti, ma almeno qualcuno credeva in qualcosa, magari di sbagliato, ora in cosa si crede più?
Dire che detesto la politica. Ma questo è troppo, e me la fa detestare ancora di più.
Siamo un paese pieno di risorse echeccazzo affondato.