E’ vietata la riproduzione, parziale o totale, in qualsiasi forma e secondo ogni modalità, dei contenuti di questo blog, senza l’autorizzazione preventiva dell’autore.
Tutte le interviste, gli articoli, e le pubblicazioni artistiche realizzate da Gisela Scerman sono protette dal diritto esclusivo d’autore, e il loro utilizzo è consentito solo citando la fonte e l'autore e/o chiedendo il permesso preventivo dello stesso.

Creative Commons License



News e appuntamenti


x




IN LIBRERIA

21 maggio 2009

Ligabue era un pittore


Sì lo so è duro questo sondaggio sulla musica, durissimo, difatti l'ho fatto apposta, cosa vi credete?
Che faccio sondaggi semplici, no, no, ma la prossima selezione sarà ancora più difficile visto che non prevede una scelta multipla, ma bisognerà scervellarsi su quale cantante abolire dalla faccia della terra.
Da buona veneta, (quando mi fa comodo) son ben felice che Gigi d'Alessio sia in testa alla classifica di disgusto - però poi bisogna ammettere che anche gli altri in lista farebbero un gran favore alla sensibilità umana se scomparissero.

Con questa politica che c'è posto per tutto - poi le cose buone cominciano a starci strette, e questo sarebbe nulla se fossero schiacciate da altre cose buone, invece no, son schiacciate da cose oscene, che prendono il sopravvento nei cuori e nei cervelli delle persone tanto che, pure alle file delle segreterie si sentono certi commenti che verrebbe da dare degli schiaffi a dei perfetti sconosciuti - so che non sarebbe democratico, ma un'opera caritatevole di svegluarli dal mondo...

quini . Mentre si faceva la fila toccava sorbirsi il seguente dialogo tra due amiche

"insomma bisogna dirlo, Ligabue è il migliore"

(l'altra per lo più stava zitta)

"fa dei testi così belli, poetici, e son proprio belli - "io proprio non capisco...quelli che...qquelli che ascoltano altra musica, di quella musica che poi non si capisce niente. Ma che musica è quella lì? han coraggio di chiamarla musica poi...una musica così di merda, ma così di merda... Oh, e poi...c'è sempre quella cosa che si dice: "ma è meglio Vasco o Ligabue..." - ah - ma che discorsi ... ma è ovvio che è meglio Ligabue!... non c'è proprio paragone...che discorsi.
Insomma allora ci andiamo a vederlo? Ma è meglio un giorno infrasettimanale, perché chi vuiio che ci sia nei fine settimana?

poi per fortuna era il loro turno.

Ecco più avanti vorrei parlare di questa cosa, che mi dà da pensare, accidenti se mi dà da pensare, possibile che c'è gente che si laurea, che vabbè può anche non voler dire nulla, ma che non riesce a capire il primo principio della soggettività bah...

7 commenti:

cris ha detto...

povero Ligabue, il "buon selvaggio".
Già aveva problemi con il suo naso, ne era ossessionato, non gli piaceva e per correggerlo gli dava sassate.
Ci manca anche la tipa... :((

Alex ha detto...

Soprattutto ho un interrogativo fondamentale che mi tormenta, una domanda esistenziale da rivolgere a Dio per il prossimo anno: "chi prende l'Inter?" :-)))

Tendle ha detto...

TENEDLE


Per me Ligabue è stato un pittore geniale uno dei più grandi, un patrimonio le sue opere!!!... il cantautore Ligabue? Musichetta giusta per i nostri tempi....sono certo che la persona Luciano Ligabue qualcosa in più da dire ce l'avesse anche, ma che tutta una serie di contratti firmati e di persone che mangiano dietro quelle canzonette non gli permettano di scrivere altro (o di dire altro)......Personalità

ce ne sono davvero poche da noi, almeno alla luce del sole....Degli italiani al bar o le italiane dal pizzicagnolo hanno già detto abbastanza Gaber Pasolini e Deandrè quindi non aggiungo altro...

Tieni duro Gisy

davide/isidax ha detto...

be Gisy chi è Ligabue (Luciano). testi elementari e musica banalotta

Gisy ha detto...

@ Cris - bè quelle son fisime umane, dopo che ha avuto successo secondo me gli è passato quel problema...

@ Alex - Chiedilo a Ligabue, magari lo sa...anzi no a Faletti adesso...

@ Tendle - non so se ha avuto magari in passato qualcosa da dire, se ha qualcosa da dire come persona, al cosa che mi pare certa è che come artista non mi sembra che comunichi qualcosa di forte - appunto dici bene, musichetta dei nostri tempi, nè più nè meno di tanta altra musichetta, poi perché lui sì e Pinco Pallino no, per me resta un mistero, però del resto c'è anche da dire che se al suo posto fosse Pinco Pallino, mi chiederei la stessa cosa su Pinco Pallino dato che potrei conoscere solo quello...Idem con Ligabue (cantante) che appunto è certo più conosciuto del pittore ora, tra cent'anni mi auguro proprio che giustizia fu

@ Isi - Beh certo, quello intendo, che è inspiegabile come si possa mettere in discussione non tanto che possa non piacere, ma che si affermi sia un assoluto (anche se son chiacchiere da bar moderni e di gente che penso abbia, mi auguro ascoltato solo quello)...forse perdo anche a tempo a spostarle 'ste cose, ma ci son cose così fastidiose personalmente che, ecco, non resisto---

Il Grande Favollo ha detto...

Gentile Gisy,
ti invito domenica 31 maggio al Castel san Pietro in Blues Festival presso lo stand delle armoniche dove accompagnerò Claudio De Simone, nello show case sulla nuova produzione 2009

Anonimo ha detto...

I cognomi sono sempre qualcosa di particolare, di piuttosto ambiguo nelle persone...è come se ci venisse appiccicato qualcosa a forza, come un marchio di fabbrica non appena abbiamo messo piede nel mondo.

E questo stato di patrimonialità ha creato non pochi disastri, vai a pensare quell'Antonio che se ne stava lì nella palude del reggiano, oggi confuso con un pirla che scrive canzoni che parlano tutte di gente che tutto sommato ce la fa, ma sopratutto lui ce la fa. che canta con un tappo dentro il c_l_

Invece io ti parlo di Antonio, di quel Ligabue vero, e mi ricordo di quando me ne parlava Remo che l'aveva conosciuto per davvero, e mi diceva della sua estrema dolcezza, di quella voce molto ruspante ma che se serviva, poteva diventare così flebile e sottile che ti sembrava di ascoltare una voce di angelo.

E i suoi quadri possono essere tutto o niente, patrimonio o carta straccia, ma a me piace immaginare questa entità pura immersa nelle acque del po, la mattina appena sveglio, lavarsi con l'acqua del fiume, cantare qualche canzone di paese e mangiare poco, pochissima zuppa di fagioli.

trincia-senna