E’ vietata la riproduzione, parziale o totale, in qualsiasi forma e secondo ogni modalità, dei contenuti di questo blog, senza l’autorizzazione preventiva dell’autore.
Tutte le interviste, gli articoli, e le pubblicazioni artistiche realizzate da Gisela Scerman sono protette dal diritto esclusivo d’autore, e il loro utilizzo è consentito solo citando la fonte e l'autore e/o chiedendo il permesso preventivo dello stesso.

Creative Commons License



News e appuntamenti


x




IN LIBRERIA

25 giugno 2008

Storia fancazzista 5

Stavo andando a prendere il treno, e un bambino da dietro l'angolo mi ha sparato.

Aveva una maglietta a righe orizzontali e delle braghette corte.

E' spuntato all'improvviso da dietro un angolo, e mi ha puntato una pistola arancione.

"Pam", sei morta ha detto.

Io mi son subito messa una mano sul petto, poi mi sono accasciata lentamente.

Con un filo di voce ho chiesto "P e r c h é"?

Il bambino ha fato spallucce, io sono solo il mandante materiale, "il giustiziere".

Poi la mia mano al petto scendeva come di gelatina, e le gambe avevano la consistenza di due tronchetti di budino.

Sono stata lì sul punto di non ritorno mezza accasciata con gli occhi spalancati.

Poi ho visto il bambino mettersi la canna della pistola arancione in bocca.

"Noooooooo", non farlo gli ho urlato con la voce che mi rimaneva.

"Ho sete ha detto". Poi ha premuto il grilletto e si è ingurgitato 2 spruzzi d'acqua. "ne vuoi anche tu"

"Sì" ho detto

Ha sparato due spruzzi in bocca anche a me. L'ho ingoiata, era calda e sapeva di plastica arancione.

"Cosa farai ora che sei morta" mi ha chiesto il bambino.

"Resterò qua, che aspetto che vengano a prendermi gli angeli"

"Ah bene", ha detto il bambino. "Io vado".

"Aspetta, un'ultima cosa: come ti chiami?"

A quel punto ha preso un manto da per terra, si è coperto la faccia e si è sentita una risata andarsene in lontananza.

6 commenti:

Anonimo ha detto...

Brava, molto bello. Immediato e con ritmo. Fanne ancora!

Gianfri

Gisy ha detto...

Eh, è una cosa vecchietta a dire il vero :( chi è che ha il tempo per scrivere altro che non siano le correzioni del libro? Magari poi ripiglio...e mi ripiglio.

Grazie cmq g

Anonimo ha detto...

Lo so che le Storie fancazziste son vecchiotte: appunto per questo dicevo di ricominciare...
Bye

Gianfri

Xtiana ha detto...

Ah, sano fancazzismo...

antonio ha detto...

Carina.

Anonimo ha detto...

...e io che pensavo che ti fosse successo veramente!!chissà che faccia avrà fatto quell'assassino in pectore?-già mi chiedevo e fantasticavo su teorie lombrosiane- ..uhmmm mi sa che proprio il caso di allentare i ritmi di studio e fare qualke ora di mare, mens sana in corpore bronzeo.

Cmq è sempre colpa tua scerman, in un qualche modo vanifichi sempre il mio labile equilibrio e le mie precarie categorie ;-)....a presto.

:-P


^^*^^