E’ vietata la riproduzione, parziale o totale, in qualsiasi forma e secondo ogni modalità, dei contenuti di questo blog, senza l’autorizzazione preventiva dell’autore.
Tutte le interviste, gli articoli, e le pubblicazioni artistiche realizzate da Gisela Scerman sono protette dal diritto esclusivo d’autore, e il loro utilizzo è consentito solo citando la fonte e l'autore e/o chiedendo il permesso preventivo dello stesso.

Creative Commons License



News e appuntamenti


x




IN LIBRERIA

06 giugno 2008

Liv ashley e quel libro rosa che non ne posso già più

La bella Liv Ashley ha aperto il suo blog e quindi per la gioia di chi la segue mi sembra giusto segnalarlo si chiama"Bitch, you have no future!" Mi spiace davvero che talvolta si levino delle invidie, delle gelosie sulle belle donne, ricordo quella che accusava Liv di non avere fascino, ma poi naturalmente chi lo dice si espone sempre o quasi in maniera anonima.

Questo non vale solo per quel che riguarda un'eventuale bellezza, ma anche per tutto quello che potrebbe essere altro, una eventuale valore artistico ad esempio. Mi vien da dire che anzi, è giusto dare pareri, però devono essere motivati, costruiti su di una critica, che può essere (anzi la critica lo dovrebbe essere sempre) personale.

Dire che una cosa fa schifo senza motivarne il perché, mi dà veramente fastidio, poi ci possono essere empatie o antipatie, e questo è del tutto normale, ma allora chiamiamole con il proprio nome.

Da poco vedo ovunque un libro rosa di un'autrice che a dire che mi sta antipatica è essere buoni (ho le mie ragioni personali e interattive per di più), e naturalmente questo libro, anzi diciamo meglio quest'autrice X, se proprio vogliamo specificare, essendo stata comprata dall'editore Y per direi 60.000 euro se le voci girano giusto - l'editore Y deve fare stare l'autrice X ovunque in ogni posto possibile per rimpiazzare di gran lunga la cifra Z.

Allora è possibile che come accendo la tv giro la radio passo anche solo da fuori delle librerie vedo l'autrice x che sta sfritellata ovunque. Oh ragaz, è naturale, questo fa parte del marchingegno pubblicitario industriale, mi sembra che comunque chi si fa strada siano sempre di più delle gran teste di cazzo (se non sei figa, ma se sei figa e testa di cazzo ancora meglio), che qual'è il posto preferito delle teste di cazzo? la tv, perché oggi se non sei testa di cazzo in tv funzioni poco. Del resto parlando anche con un mio amico che diceva ecco, "e ora ci troviamo queste persone inutili, a fare trasmissioni inutili, tipo opinionista - ma poi opinionista di cosa? del nulla?" Certo, e pagati bene, molto più pagati di chi fa ricerca, di chi si fa il culo tutti i giorni in un fottuto lavoro del cazzo. Ma poi chi vogliamo che vada a fare l'opinionista, magari ci potesse andare Gianni Celati o Serena Vitali, o altro...

Del resto anche a Nadiolinda (se non ti piace dillo) , era stata proposta la seguente cosa "ti vesti ridicolamente e ti fai prendere in giro per mezz'ora" da un personaggio che noi tutti in tv conosciamo - questo era il ruolo che le era stato proposto e lei infatti ha risposto che le pareva proprio una splendida idea...
Ma siamo dementi? Come possiamo continuare ad accettare tutto questo? in ogni caso, quel libro rosa che vedo ovunque, con la consapevolezza che l'editore Y vuole schiaffarci in culo il libro rosa dell'autrice X, e io dico, non è una colpa alla fine dell'autrice, se devo essere razionale, non è colpa sua - è solo una gran testa di cazzo - che come faremo in tanti prende la palla al balzo. Però mi è rimasta una soddisfazione una, che e a guardarla bene adesso quell'autrice mi pare Alvaro Vitali in versione femminile. Avete capito voi?

11 commenti:

Liv ha detto...

tesoraaaa ma come sei carinaaaa!!! Appena ho un po di tempo voglio aggiornare il mio blog, è un periodo che mi manca quasi il tempo x resprareeeeeee huahuahuhua
un bacione enormeeeeeeee

Ilaria ha detto...

Be', non so quale sia questo onnipresente libro rosa ma io oggi ho comprato l'ultimo libro di Cornia e devo dire che ci ho già letto qualcosa di mio gradimento... poi nel risvolto di copertina c'è una sorta di prefazione di Cavazzoni che fa ridere... l'hai già visto/letto? :-))

Gisy ha detto...

@ Liv - basta il pensiero, chiedilo a chi ti segue se non è vero...eheheh

@ Ilaria - Ciao Ilaria ! Non è Cornia di sicuro quel libro rosa che a dire ol vero è più sul violetto ehehe, ma non lo dico per non aumentare la pubblicità :), l'ultimo di Ugo Cornia non l'ho mica preso ancora, ma di sicuro è uno di quegli autori del quale ho stima. Ci guarderò... Cavaz è immenso !

Anonimo ha detto...

.
no,non ho capito chi sia. cmq qualche volta, faccio zapping tv, ascolto la radio, mah forse ne avrò sentito parlare.
Ma è un pò che non compro libri. capita, cosi sono nella media dei non lettori italiani..?
Poi gli opinionisti tv, è un lavoro....appunto.... Altrimenti tanti sarebbero ormai a fare
un lavoro qualsiasi.
Comunque "fare la testa di cazzo", in qualsiasi attività, lavorativo, professionale ecc., e farlo nel senso di ottenere il risultato che si vuole, richiede capacità di saperlo fare e sopratutto saperlo sostenere. Chi lo è e lo fa, sa bene di esserlo, e che gli serve per arrivare dove altrimenti non arriverebbe. Anzi per certe persone "fare la testa di cazzo" è proprio motivo d'orgoglio...

paolo
barbar

Ilaria ha detto...

Ah, allora se è violetto e l'autrice di questi tempi è spesso in tv, ho capito chi è e concordo con te ;-)

Gisy ha detto...

@ Paolo - sinceramente mi pare, che ci dia una tendenza molto più forte di un tempo ad esporsi come teste di cazzo (fa parte sicuramente anche del sistema mediatico), e questa non mi pare per nulla una bella cosa,anche quelli che nelle trasmissioni lo fanno fintamente, credo non passino un bel messaggio. Per finta o per vero bisogna sovrastare.
Poi un tempo una testa di cazzo era per lo meno vista male, oggi è idolatrata, bella roba.

@ Ilaria - sì l'hai capito - una volta mi son trovata in una trasmissione con quella lì, e prima della registrazione faceva tutta la carina, poi quando si è cominciato in pratica ha fatto la vipera verso di me, ed io le ho risposto a tono,. Poi alla fine mi fa, scusa eh, ma ho le mie esigenze di scena.

Ah grazie.

Anonimo ha detto...

AHAHAAHAHHAHAAH che meraviglia: ricorda Gisy, avanzano squali e stronze, è la regola universale :D

un bèso!

E.

antonio ha detto...

Quella che il titolo del libro si legge squinz?
Un in bocca al lupo alla tua amica, ed anche a te, straimpegnata corrispondente!
;)

Gisy ha detto...

@ - Vedo che avete colto benissimo, questo vuol dire che è proprio martellante l'Alvaro Vitali al femminile.

Liv ha detto...

grazie mille tesora!!!
Appena è pronto te lo faccio sapere! un bacio enormeeeeeeee

antonio ha detto...

A dire il vero, ho inteso il nome e poi sono andato sul di lei blog.
Non mi sembra molto somigliante ad Alvaro Vitali, e parlando di storia recente l'ho vista solo al tg la7, anche se a dire il vero non guardo molta tv per orari di lavoro e per buongusto.
Sulle prime mi ha ricordato Nadiolinda, poi leggendo qualche differenza l'ho notata.