E’ vietata la riproduzione, parziale o totale, in qualsiasi forma e secondo ogni modalità, dei contenuti di questo blog, senza l’autorizzazione preventiva dell’autore.
Tutte le interviste, gli articoli, e le pubblicazioni artistiche realizzate da Gisela Scerman sono protette dal diritto esclusivo d’autore, e il loro utilizzo è consentito solo citando la fonte e l'autore e/o chiedendo il permesso preventivo dello stesso.

Creative Commons License



News e appuntamenti


x




IN LIBRERIA

05 aprile 2008

Madre


Madre, devo immaginarti bellissima. Perché non lo sei.

3 commenti:

paolo ha detto...

Lo so che sei bella,
Lo so che mi vuoi bene.

So anche che non esisti.

Lasciami immaginarti.
Donna del sogno. ciao

(a tutte le donne, escluse quelle
che ho amato)

antonio ha detto...

Mi intriga l'associazione dei versi con la fotografia... interessante, no? Si parla della figura materna e si vede un gattino, un cucciolo con il cuore simil-sacro ed artigli-tentacoli neri.
Ti ho scritto una email!
Ciao!

Gisy ha detto...

@ paolo - per fortuna c'è la frase finale...

Antonio - la madre è la donna di tutte le donne, il gatto ha a che fare con la donna-sessualità, anche da un punto di vista onirico il gatto rappresenta la sessualità e la donna. felina - si ritorce e si piega su sé stesso questo gatto.
ma poi... ha che fare.così per associazione mia più che altro.