E’ vietata la riproduzione, parziale o totale, in qualsiasi forma e secondo ogni modalità, dei contenuti di questo blog, senza l’autorizzazione preventiva dell’autore.
Tutte le interviste, gli articoli, e le pubblicazioni artistiche realizzate da Gisela Scerman sono protette dal diritto esclusivo d’autore, e il loro utilizzo è consentito solo citando la fonte e l'autore e/o chiedendo il permesso preventivo dello stesso.

Creative Commons License



News e appuntamenti


x




IN LIBRERIA

09 dicembre 2007

NeFeste, ma baci !


Buon inizio settimana,
visto che mi son stufata di scrivere ho fatto un disegnetto :) - eh si vede che frequento l'accademia di belle arti e i fummettisti! Questo disegnino in segno della vecchia peace and love, che poi a dire il vero ha portato per lo più macelli, ma proviamoci.
Bisognerebbe andar d'accordo, di pace e d'amore - AH quante belle parole. Tutti per strada che si fanno gli auguri che non si vedono da chissà quanto, poi dicono: dài che ci vediamo presto ti chiamo eh - poi passa un altro anno, stessa frase.
E non si va neanche al funerale del primo che si conosceva.
Via - sù non litighiamo - anche se durante le feste è dura... dico le feste son nefaste, anzi nefeste. Per lo più.Sì lo so che sto prendendo tempo, torno con qualcosa di migliore forse in giornata.
In tanto un saluto per dire che ci sono !
;)

21 commenti:

Alfa ha detto...

Lo voglio io il disegno originale!!!!

frapre ha detto...

con le galline sono sempre in pace, soprattutto quando per contorno hanno le patatine... :)
frapre

SerialLicker ha detto...

io non litigo mai. e il disegno è carino
ciao gisy, torna presto

Camarillo ha detto...

carino il disegno ... devo dire che è un pò di tempo che medito di aprire un blog ... poi ci ripenso perchè non vorrei scrivere cose completamente inutili come quelle che hai scritto oggi ... mi domando se il primo dell'anno descriverai il brindisi della mezzanotte scandito dal count down della TV ed il 6 di febbraio scriverai "Epifania tutte le feste si porta via". Grazie cmq altre cose sono più apprezzabili.

Gisy ha detto...

Ci sono ci sono, ci sonno, che dormo sempre.

Cmq sì via, diciamo che torno, spero che torno. Adesso poi vediamo. Se non ammattisco prima, o che torno ammattita magari.

Devo andare a lavorare posa, posa, posa. senza ri.

cmq sì questo è un post inutile l'ho specificato fin dall'inizio, ma poi voglio dire tutte 'ste seghe sul senso...che poi dove si va a parare.
"Ho bisogno d'amore per Dio".
Odio zucchero.

Non credo sia tutto il blog così, ma poi sì siamo in troppi che parliamo anche questo è vero.
Per cui l'inutilità non fa differenza, non più almeno.

camarillo ha detto...

Scusa ma sono gnucco come il pane posso ... ma mi sono perso qualche pezzo del tuo commento ... intendo che non ho capito nulla. Che vuoi dire con Zucchero o che siamo in troppi a parlare ... poi un blog si scrive! Il senso e il nonsenso hanno una loro valenza positiva o negativa ... ma il bla bla sul "volemosi bbene" a parer mio è un esercizio di retorica che male si accompagna al tuo blog od ad un blog in genere ... lasciamolo fare a quello che si affaccia dalla finestrella alla domenica mattina ... sperando che lo faccia bene. ciao ciao

antonio ha detto...

Ehm...
però ha centrato un punto comune, molto comune, la riflessione su queste feste. C'è una rivalsa verso la benevolenza determinata solo dal calendario. Forse è così, che si recupera quella vera. Ad esempio, anche i regali. Dopo aver fatto i conti con le mie sensazioni, beh devo dire che nel cercare e poi regalare provo un affetto ancora più grande.
E a voi?
Io mi conforto con un esempio dato dalla natura:
http://animali.tiscali.it/articoli/07/dicembre/07/delfini_romantici_123.html
Mi stan sempre più simpatici, i pinnati mammiferi.

Gisy ha detto...

A - Vuol dire che Zucchero il cantante che canta "ho bisogno d'amore per Dio" mi sta antipatico. Per vari motivo tra i quali ha copiato una poesia di Piero Ciampi per un suo pezzo famoso.

B - IL "vollemosi bbene", è palesemenhte retorico per chi non lo capisse, perché a Natale c'é tutta questa iporcisia esasperata del per forza tutti abbracciati in sintonia unite dalle feste. Se leggi altri post penso a caso si potrebbe capire meglio.

C - Visto che il mondo è pieno di tutto - una cosa inutile, ma non lesiva - in più - non toglie spazio a nulla. Le cose importanti son fuori internet-internet è un veicolo. Anzi può essere.

D - Ci si può parlare solo tra miserabili; perché quelli che fanno i danni grossi non stanno certo a preoccuparsi della loro inutilità che schiaccia e le lamentele di un qualcuno a caso, che glielo rammenda molto più che in un post - tanto loro ci fanno i soldi.

E - Internet è un pò la finetra sul mondo. Anche quella dei vicin sfigati a volte.

D - Chiedo perdono a Ciampi, ma dico un luogo comune vedendo le vendite dei libri

"tira più un pel di figa che un carro di Ciampi"

Il serio non solleva polemiche l'inutile sì, e vende.

Su dài non prendiamocela ! E' un mondo rovescio, ma è il suo dritto.

Ora vado al lavoro che son in serio ritardo

@Antonio p.s beati gli animali. Belli sono e con meno rogne!

Anonimo ha detto...

A me vien voglia di abbracciare e di essere abbracciata tutto l'anno, mica solo a Natale. Un abbraccio non giustificato dalle feste mi sembra anche più sincero.
@Antonio - l'hai scritto un po' di tempo fa.. però mi vien in mente ora. Se la tua amica non ti ha abbracciato per la foto potevi farlo tu. Io l'avrei fatto. Magari avete avuto entrambi lo stesso problema: quello dell'iniziativa, o la paura di sembrare fuori luogo. (Intima)

antonio ha detto...

Non lo so.. mi è sembrata una cosa non voluta... praticamente ci ho provato, ma l'ho vista irrigidirsi... in queste cose o sei espansivo oppure devi avere una certa confidenza, il cui livello necessario varia da persona a persona... lei è il tipo di ragazza che abbraccia le amiche, gli amici magari nelle foto di gruppo... o forse è stata solo una mia sensazione, non lo so...
comunque è andata così... per il futuro si vedrà...
Intanto, Intima, te ne prego, accetta il mio abbraccio da questo schermo.
Con affetto.
Antonio
ps: anche uno alla padrona di casa!

Gisy ha detto...

;D

SerialLicker ha detto...

ma deve essere per forza tutto utile quello che sta su un blog? nella mia smemo c'era ogni sorta di cosa: dalle citazioni alle foto delle tette di Sabrina Salerno, dalle mie pensate profonde alle vignette ritagliate da Cuore...
e non c'era niente di più divertente che leggere le smemo altrui mentre gli altri leggevano la mia. Grazie a Gisy e atutti quelli che ci aprono la smemo. Tanto più se, per scrivere, sono pagati. Cone lei

Gisy ha detto...

@Serialliker - oh se mi pagassero per tenere questo blog giuro che per le cazzate mi impegnerei ancora di più :)

Fantastiche le vignette di cuore.

Anonimo ha detto...

Lo accetto volentieri e ricambio. Sperando comunque che possa avvenire realmente nel futuro prossimo. Ovviamente anche con la padrona di casa ;) Non so quanta confidenza sia necessaria Antonio, ma tu non sai nemmeno il mio nome. (Intima)
p.s. mi chiamo Laura, e sono lieta di conoscere due persone come voi; magari presto riuscirete a darmi anche un volto.
Dolci baci, per ora.

violazione ha detto...

beh, anche l'inutilità ha uno spazio utile nella mia vita...

e secondo i momenti, cose che sembrano utili diventano inutili e viceversa...

ecchisenefrega, che si viva per come viene, almeno sino a quando si deve rispondere solo a se stessi...

e in un blog, sei tenuta a rispondere solo a te stessa...
quindi...

e poi il disegno e carino...!

un inutile bacio per te, come vuole il titolo di questo post...

sorrido...
ciao Gy

SerialLicker ha detto...

no, 'spetta... volevo dire che tu sei pagata quando scrivi libri e il blog è gratis, un regalino per te e per noi che leggiamo... se lo sa il tuo editore... :p

antonio ha detto...

Beh, Laura (piacere di conoscerti ;) ), l'ho scritto che son cose che variano da persona a persona... comunque, direi che siamo più in sintonia che nella situazione di quella sera con la mia comagnia, non credi? E poi noi abbiamo voglia di abbracciarci, e questo è una altra differenza.
A presto!
Baci!!

Anonimo ha detto...

Sì, mi stupisce questa sintonia, soprattutto perchè virtuale. Ovviamente poi potresti conoscermi e a pelle risultarti la persona più antipatica che conosca, non lo escludo di certo. Però è curiosa questa situazione. Mi ispiri più confidenza di persone che incontro tutti i giorni.
Mah, la noia finisce quando la vita non smette di stupire. (Laura)

antonio ha detto...

Sì, in effetti capita, parlando, di trovarsi meglio con sconosciuti che con chi si conosce, magari perché non devi farci tutti i giorni i conti, ci si sente più liberi di esprimersi perché la persona non ti conosce, non ha concetti su di te... con internet, a ciò si aggiunge anche il fatto di essere davanti ad uno schermo, non di persona od al telefono...
Insomma, un pò come gli amici di penna di una volta, ci si prende tutto il tempo che serve per scrivere, evitando quelle gaffe, quelle parole fuori posto, quegli atteggiamenti che possono portare a dei dissapori.
Questo però vale fino ad un certo punto, per i primi passi... il resto dipende da noi.. wow, e poi son curioso di vedere se ti trovo antipatica... ;)

Gisy ha detto...

Sì, ma ci si può stare anticpatici anche virtualmente eh...esiste pure la pelle virtuale !

Son felice Laura che hai scritto il tuo nome...

Anonimo ha detto...

Virtualmente uno dice un po' quello che pensa, o anche quello che non pensa. Dipende poi se chi legge condivide; potrebbe così nascere una sorta di simpatia. Nella realtà però è più complicato perchè sono molti i fattori che ci portano ad avere simpatia o antipatia per una persona: l'atteggiamento, il modo di esprimersi e tanti piccoli particolari che notiamo in chi abbiamo di fronte. Trovo in ogni caso la "pelle virtuale" meno complessa rispetto a quella reale. Non caso gli utenti delle chat sono milioni. Preferisco comunque la simpatia reale, credo che non mi darete torto, perchè appunto reale.
Non mi sembrava carino continuare a scrivere sotto anonimato. Non che ora sappiate un granchè di me. Ma è già un passo avanti.
Baci. (Laura)