E’ vietata la riproduzione, parziale o totale, in qualsiasi forma e secondo ogni modalità, dei contenuti di questo blog, senza l’autorizzazione preventiva dell’autore.
Tutte le interviste, gli articoli, e le pubblicazioni artistiche realizzate da Gisela Scerman sono protette dal diritto esclusivo d’autore, e il loro utilizzo è consentito solo citando la fonte e l'autore e/o chiedendo il permesso preventivo dello stesso.

Creative Commons License



News e appuntamenti


x




IN LIBRERIA

08 gennaio 2007

La redenzione dei peccati

Io non lo so com'è che dopo un periodo che personaggi più o meno appariscenti o eccentrici si convertono , e rinnegano il loro passato in maniera netta che quasi anzi entrano in fase mistica.
Tra non troppo andrò in trasmisisone con una nota pornostar che ora diciamo non pratica più, e lei stessa ha detto che a questa trasmisisone non sarebbe venuta se si parlasse semmai di pornografia.
No vabbè è lecito che una\uno cambi idea sulla propria vita, ma dico no prendi esempio Renato Zero, ora tutto lì che fa il mistico, e uno ci gioca poi anche con il fatto che è un personaggio pubblico. Analogamente Madonna, e un sacco d'altri..Ma c'è bisogno sempre di una conversione così radicale? Si diventa più rispettabili forse?
E' che mi pare che vada così: che finché uno\a è giovane quindi ha potere e energia da giovane si sente potente che può far quello che vuole che tanto anche se si è ridioli da giovani c'è sempre qualcosa nella gioventù che ti assolve (che con l'età deteriora), o con l'età uno si sente più debole e pensa che sia ora di pararsi il culo in un qualche modo. Mah a me gli idealisti troppo idealisti non piacciono...forse anche questo è iedalismo del resto...

4 commenti:

Alex ha detto...

Beh qui mi tocca intervenire da esperto zerofolle, lui ti risponderebbe "a nì ma prima del Triangolo c'è stato il Cielo" (ed è vero, la prima è del '78 la seconda del '77), in realtà in lui hanno sempre convissuto queste 2 anime, sacra e profana, santa e puttana, come canta in "Santa Giovanna": "sgualdrina, lesbica e figlia di Maria" !! :-)) a parte gli scherzi credo che parlare di "conversione radicale" per lui non sia molto appropriato, sì è vero che ha cantato "Ave Maria" ma più che una preghiera era 1 invocazione incazzata con frasi che non si potrebbero mai dire in Chiesa (tipo "orrore eppure anche tu hai finto di non vedere alimentando così il silenzio che è qui..."), e poi prima aveva cantato anche un "Padre nostro" che però parlava di droga, insomma spesso l'apparenza inganna, e per Renato credo che valga ancora la frase che pronunciò alcuni anni fa: "mi sento più cristiano che cattolico nel senso che Dio non ho bisogno di andare a cercarlo in 1 posto che sa d'incenso", beh per adesso ho finito, "la pace sia con te, e con il tuo spirito", ciao gì !!:-)))
Alex.

Gisy ha detto...

Premetto che mi piace Renato Zero...anche e forse soprattutto gli ultimi lavori, sono diversi è innegabile. Però mi pare ci giochi un pochetto, al di là ce l'ha sempre fatto prima in un modo poi in un altro è sicuramente molto bravo nel gestirsi come personaggio...sì quello che dici è vero, ma vale per chi molto bene lo conosce, agli occhi del pubblico meno specializzato l'idea è un'altra. Ma il tema principale era perché soprattutto pornostar e appunto ti dico devono poi rinnegare in maniera così netta quello che prima sbanideravano in così, cambiare gusti è opinione va benissimo, ma dovrebbe riguardare il presente...ma forse mi sbaglio.

Alex ha detto...

No, non sbagli più di tanto, alla fine l'immagine che oggi Renato finisce per dare di sè purtroppo è quella del "santone mistico predicatore", anche se poi chi lo conosce bene sa che in fondo è rimasto la zoccola di sempre...:-))
però sicuramente è anche come dici tu, uno con il passare degli anni si stufa di essere sempre provocatorio e finisce per diventare accomodante, smette di rompere e innovare e da incendiario diventa pompiere, però almeno lui è stato incendiario in gioventù, invece c'è chi nasce pompiere e oggi (che ha quasi 60 anni) gli rimprovera di non esporsi troppo in prima persona e allora mi viene da dirgli come ha fatto la sorella nei giorni scorsi dopo le stupide polemiche dell'Arcigay sulla frase detta a Domenica in (ampiamente fraintesa): ma dove stavate voi quando mio fratello lo prendevano a calci in culo e gli tiravano la monnezza per strada? :-)))

Gisy ha detto...

Ah sì, su questo come non darti ragione...glia ltri son sempre capaci di parlare dalle loro brave posizioni...