E’ vietata la riproduzione, parziale o totale, in qualsiasi forma e secondo ogni modalità, dei contenuti di questo blog, senza l’autorizzazione preventiva dell’autore.
Tutte le interviste, gli articoli, e le pubblicazioni artistiche realizzate da Gisela Scerman sono protette dal diritto esclusivo d’autore, e il loro utilizzo è consentito solo citando la fonte e l'autore e/o chiedendo il permesso preventivo dello stesso.

Creative Commons License



News e appuntamenti


x




IN LIBRERIA

18 gennaio 2007

Bagattelle per un massacro parte 2

Finalmente sono riuscita a scoprire il perché degli anacronismi trovati in "Bagattelle per un massacro" ed Aurora. Allora l'edizione Aurora di Bagatelle per un massacro, è una riedizione non autorizzata, stampata clandestinamente e con una casa editrice fittizia (ergo: l'editrice Aurora non esiste). Hanno preso la traduzione edita dal Corbaccio, l'hanno mutilata qua e la, integrandola poi con posticcie aggiunte.
L'edizione Guanda, è invece la migliore come traduzione e conformità all'originale; anche l'edizione italiana del 1938 presenta alcuni tagli(ma non anacronismi aggiunti!). Il Bagatelle ed. Corbaccio del 1938 ha una bella copertina con il titolo in carattere grande, stampatello, su più righe, e una curiosa scritta "Barricata individuale" obliqua sovrapposta al titolo, in corsivo rosso. Attenzione anche a pagare alte cifre per "La bella rogna" sempre di Guanda, parimenti ritirato dal mercato; ne è stata fatta una ristampa anastatica da una piccola casa editrice di Napoli, non autorizzata, in tutto e per tutto simile al Guanda.
Allora, il "La bella rogna" falso è stato stampato presumibilmente a Napoli, negli anni '90. Si riconosce da una lieve sfocatura della stampa dei caratteri e della foto della copertina (anche nei risguardi), e per una simile ma meno accentuata "incertezza" nella nitidezza dei caratteri del testo. Inoltre perlomeno in tutti i Guanda: la brossura è in un cartoncino con le costine verticali, mentre il "Bella rogna" tarocco ha le costine orizzontali.

Queste per chi fosse interssato sono indicazioni per non spendere cifre in falsi. Ringarzio tantissmo Andrea Lombardi (tra l'altro curatore di un phamplet "Cèline contro Sartre ed.Effepi) per le informazini.

g

4 commenti:

pierociampi ha detto...

non ti curar di loro.con quel libro mi hai regalato nottate ciampiane indimenticabili.lo hai fatto col cuore.e questo basta e avanza.grazie

Gisy ha detto...

E' quello che volevo, trasmettere "la magia" che solo Piero può rendere. Ma chi nonha amore e non ha cuore nelle vene non può capire.

Grazie

federico ha detto...

L'edizione "aurora" (che ho appena comprata)è opera di oscuri e anonimi neo-fascisti viterbesi. Una traduzione di così alto livello non era ipotizzabile da gente del genere, che si è limitata ad aggiungere schifezzuole posticce.

Gisy ha detto...

Ma vorrei vederla...la mia ti giuro che è obrobriosa, anzi fa ridere più che altro.