E’ vietata la riproduzione, parziale o totale, in qualsiasi forma e secondo ogni modalità, dei contenuti di questo blog, senza l’autorizzazione preventiva dell’autore.
Tutte le interviste, gli articoli, e le pubblicazioni artistiche realizzate da Gisela Scerman sono protette dal diritto esclusivo d’autore, e il loro utilizzo è consentito solo citando la fonte e l'autore e/o chiedendo il permesso preventivo dello stesso.

Creative Commons License



News e appuntamenti


x




IN LIBRERIA

18 giugno 2006

Ancora BONDAGE


Era veramente un bel pò di tempo che non facevo servizi bondage, e in questi giorni davvero mi son ricordata la fatica di stare inbalsamati, inbavagliati e legati (con il caldo per lo più).

Mi ero allontana dal bondage più di qulche anno fa, perché fondamentalmente non mi trovavo più bene a lavorare con chi lavoravo, così poi capita che per associazione cada in disgrazia anche quello che con quelle persone hai rappresentato; ma a me il bondage in sé devo dire che diverte pure, tant più se si lavora con altre persone nel set.


Non che mi sia pentita mai d'averlo fatto in passato, ben inteso, però credo anche che sia importante lavorare con persone che ti facciano amare una certa rappresentazione, alla quale magari non si è direttamente portati. Fosse per me sempre e tutto Pin Up Pin Up Pin UP (Beh poi ognuno ha i propri tarli no in fin dei conti?)

All'inizio è stato un caso. Io
tutto fuorché s\m nella vita, però la rappresentazione può essere interessante bella avvincente lo stesso.

Forse è anche un pò la nostalgia dei primi tempi in cui lavoravo che di servizi bondage ne facevo a iosa (si scrive così?) e la nostalgia fa fare un sacco di cose, poi devo dire che quando si entra in una parte si diventa quello se è fatto bene per quel tempo che dura. Anche se la rtealtà è poi un altra, forse ma in quel momento la realtà è quella. No basta Saudelli, bravo artista, ma troppo male, mica roba per me. E' importante lavorare con gente che ci si trova bene, prima di tutto. E poi sì certo che vada dietro a quello che la propria moralità consente.


Queste foto son di Giangiacomo Barsacchi e ne potete trovare molte altre nel suo sito www.boundtown.com, in più, dopo tanto tempo sempre conlui mi son decisa a girare due brevi vido bondage... :-)

Beh, e sulla musica? Niente da dire? Un bacio tutti

G

8 commenti:

Tarzo ha detto...

guarda...ti diro' la verita': io sinceramente di bondage ci capisco poco e capisco ancor meno della filosofia che vi si cela dietro. d'altro canto pero' apprendo molto bene quando c'e' qualcosa di incantevole da ammirare ed e' questo il caso visto che la bellezza della modella e' inequivocabile, in particolar modo nella prima foto...molto molto intrigante! complimenti forse ovvi ma dovuti!

Gisy ha detto...

Credo che nel bondage sia difficile risultare "belle"...almeno nel senso comune, però capisco può essere un contesto intrigante per gli appassionati. Non è il genere che preferisco perché anch'io mi piaccio di più "messa per benino..." però è sempre divertente anche vedersi in modi diversi...
Poi nella vita sarà difficle che qualcuno mi leghi, almeno con le corde.
chissà...
:-)

Tarzo ha detto...

ecco! forse e' proprio questo il punto! la volonta' di legare una persona, di incatenarla... non riuscendo in questo intento utilizzando sentimenti, carisma, fascino...si passa al lato fisico. e' un gioco, e' la rappresentazione di cio' che si vorrebbe e che non si puo' avere!

Stanley ha detto...

La bellezza, come dicono i saggi, è spesso negli occhi di chi guarda. Nel caso del bondage la vittima, consenziente ma pur sempre vittima, dubito trovi la situazione piacevole. Diverso il discorso per lo spettatore: se gli piace il genere, vedere una bella ragazza legata e imbavagliata è sicuramente motivo di piacere.

Stanley
http://damselsindistress.blogspot.com

Gisy ha detto...

Ci sono saggi che dicono cose contrarie ad altri saggi.
A parte questo credo che sia vero che una persona per intepretare bene una parte debba entrare nel ruolo di quella parte.
Certo se uno non volesse farlo per nulla, perché farlo visto che si può scegliere?
Non amo particolarmente il bondage, ma neanche mi spiace. In america tantissime modelle ci lavorano senza tutti questi retaggi che ancora abbiamo in Italia e non solo.
Un lavoro può esser davvero un lavoro e basta.
Piacere o non piacere è tutto relativo. Ed eventualmente può esistere un maso-feticismo, se si tratta di vittima consenziente.
Ma è tutto un gioco, almeno per me che non sono assolutamente né s ne m . (o forse più s chissà?)

g

titti ha detto...

Giangiacomo sei una persona incredibile

Gisy ha detto...

E'vero condivido jack è fantastico...

Gisy ha detto...

E consiglio senz'altro a tutte quelle ragazze e modelle che vogliono fare del bondage di cominciare da lui...

;-)